Egitto: prove schiaccianti contro i fallimenti delle forze di sicurezza - Amnesty International Italia

Egitto: prove schiaccianti contro i fallimenti delle forze di sicurezza

9 luglio 2013

Tempo di lettura stimato: 8'

Le prove raccolte da Amnesty International mostrano che le forze di sicurezza hanno usato forza eccessiva contro i sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi. Dallo scorso venerdì, almeno 88 persone hanno perso la vita nelle proteste e nella violenza politica, tra cui tre componenti delle forze di sicurezza, con circa 1500 feriti.

Almeno 51 sostenitori di Morsi sono stati uccisi lunedì durante gli scontri davanti alla sede della Guardia repubblicana.
‘Nonostante le dichiarazioni dei militari che i manifestanti hanno attaccato per primi durante gli scontri di lunedì e che né donne né bambini sono rimasti feriti, resoconti di prima mano raccolti da Amnesty International dipingono un quadro molto diverso. Anche se alcuni manifestanti hanno usato violenza, la risposta è stata sproporzionata e ha portato alla perdita di vite umane e lesioni tra i manifestanti pacifici’ ha dichiarato Hassiba Hadj Sahraoui, vicedirettrice del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.

L’esercito e il ministero dell’Interno hanno dichiarato ieri che la violenza ha fatto seguito a un attacco dei manifestanti nei dintorni della sede della Guardia repubblicana e hanno annunciato che un ufficiale militare e due componenti delle forze di sicurezza sono stati uccisi.

Tuttavia, i resoconti raccolti da testimoni oculari contraddicono questa versione dei fatti. Amnesty International ha visitato obitori, ospedali e luoghi di violenza al Cairo e ad Alessandria per raccogliere testimonianze da manifestanti feriti e parenti delle vittime. Le sue conclusioni  suggeriscono l’uso sproporzionato della forza da parte delle forze di sicurezza, tra cui forza letale intenzionale. Molti dei morti e dei feriti sono stati colpiti alla testa e nella parte superiore del corpo con pallottole da caccia e munizioni cariche.

‘Le autorità egiziane devono porre fine all’uso della forza esageratamente sproporzionata da parte di esercito e polizia. Anche quando i singoli manifestanti usano la violenza, l’esercito deve rispondere in maniera proporzionata, senza uccidere e ferire chi non mette in pericolo la vita delle forze di sicurezza o di altri. Deve assicurare che un accertamento ritenuto da ogni parte indipendente e imparziale sia prontamente condotto per garantire che ogni presunto abuso dell’esercito non sia insabbiato’.

‘Le autorità egiziane devono inoltre garantire che autopsia e referti medici appropriati siano  effettuati per facilitare indagini approfondite e garantire l’accesso alla giustizia e alle riparazioni’.

I timori di Amnesty International per ulteriori spargimenti di sangue sono accresciuti dalle dichiarazioni dei leader dei Fratelli musulmani che promettono di continuare a protestare fino a quando l’ex presidente non sarà reintegrato, invitando i propri sostenitori a ‘sollevarsi’ e ‘resistere’, nonostante i continui morti e feriti.

‘Mentre i politici litigano su chi abbia iniziato la violenza, è chiaro che a meno che le forze di sicurezza non siano controllate e non vengono dati loro ordini chiari sull’uso della forza assisteremo a una ricetta per il disastro’.
Una donna sulla quarantina che è stata ferita lunedì ha dichiarato che la violenza è cominciata mentre lei stava terminando le sue preghiere accanto a una tenda abitata da donne e bambini.

‘Ho visto uomini correre verso di noi, quindi hanno iniziato a cadere gas lacrimogeni. Non sapevo cosa fare né dove portare i bambini. Non potevo tornare alle tende perché saremmo soffocati e non sapevo dove correre a causa della sparatoria… C’erano spari e gas lacrimogeni provenienti da tutte le direzioni… C’erano uomini stesi a terra in pozze di sangue davanti a me, sono rimasta lì sotto l’albero a pregare… Ho pensato che non ci fosse più nulla da fare…’ ha detto. Alla fine è riuscita a fuggire in una stradina secondaria.
Amnesty International ha intervistato diverse altre donne che hanno riportato ferite da pallottola di fucile da caccia, nella parte superiore del corpo, compresa la schiena, e un bambino in un ospedale del Cairo con ferite alla testa, al volto e alle gambe.

Le morti di ieri hanno fatto seguito alle sparatorie del 5 luglio, quando le forze di sicurezza hanno colpito a morte quattro persone durante le proteste davanti alla Guardia repubblicana.

L’organizzazione ha anche scoperto che le forze di sicurezza erano intervenute troppo tardi o per niente durante gli scontri tra sostenitori e oppositori di Morsi al Cairo e ad Alessandria il 5 luglio, che hanno portato a una perdita di vite umane da entrambe le parti.

Almeno otto persone sono morte durante gli scontri di venerdì tra campi rivali che sono durati circa cinque ore in piazza Tahrir e nel quartiere di al-Manial al Cairo, con le forze di sicurezza assenti dalla scena.

Ad Alessandria venerdì, almeno 17 persone sono state uccise nella zona di Sidi Gaber. Le forze di sicurezza sono arrivate sulla scena dopo che alcuni erano già stati uccisi. Mohamed Badr al-Din, un residente locale, è stato pugnalato e gettato da un tetto da sostenitori di Morsi.

Un sopravvissuto ha descritto come è scappato appena prima che Mohamed Badr al-Din fosse gettato dal tetto: ‘Sono stato inseguito da un tipo grosso barbuto con un coltello enorme e una bandiera nera… Ha cominciato a picchiarmi e ha alzato il coltello dicendo ‘Dio è grande’. Sono scappato saltando giù da un pozzo di aerazione, un’apertura al centro del tetto dell’edificio’, ha raccontato ad Amnesty International.

Residenti locali hanno riferito che appelli alla polizia perché intervenisse sono stati ignorati.

‘È responsabilità delle forze di sicurezza mantenere la sicurezza e proteggere le vite. Tuttavia, invece di evitare ulteriori spargimenti di sangue, sembrano aver contribuito, utilizzando forza eccessiva e ignorando le suppliche di aiuto da parte del popolo’ ha aggiunto Hassiba Hadj Sahraoui. ‘Coloro che attaccano violentemente i propri avversari politici devono essere chiamati a risponderne, indipendentemente dalla loro appartenenza politica’.

Scarica il documento in inglese ‘Egypt: unlawful killings in protests and political violence on 5 and 8 July 2013’

FINE DEL COMUNICATO                                                                                 Roma, 10 luglio 2013

Per interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell.348-6974361, e-mail press@amnesty.it

Leggi altre news sulla situazione in Egitto