Egitto, rilasciati i due rappresentanti di Amnesty International, attivisti locali ancora detenuti - Amnesty International Italia

Egitto, rilasciati i due rappresentanti di Amnesty International, attivisti locali ancora detenuti

5 febbraio 2011

Tempo di lettura stimato: 2'

Cinque tra giornalisti e operatori per i diritti umani, compresi due rappresentanti di Amnesty International, sono stati rilasciati la sera di venerdì 4 febbraio, dopo aver trascorso un giorno e mezzo nelle mani della polizia militare egiziana.

I cinque facevano parte di un gruppo di 35 attivisti, avvocati e giornalisti arrestati giovedì 3 febbraio nel corso di un’irruzione della polizia militare negli uffici del Centro di studi giuridici Hishan Mubarak, al Cairo.

Nessuno dei cittadini egiziani arrestati è stato ancora rilasciato. Amnesty International ritiene si trovino in incommunicado nel Campo 75, una base militare situata a Manshiyet el-Bakri, nella periferia della capitale.

Siamo molto sollevati per la notizia del rilascio dei nostri rappresentanti e delle altre persone, ma è oltraggioso che gli attivisti egiziani non siano stati a loro volta liberati‘ – ha dichiarato Salil Shetty, Segretario generale di Amnesty International. ‘Non può esservi alcuna giustificazione per prolungare la loro detenzione. Devono essere rilasciati immediatamente e senza condizioni e poter tornare in sicurezza alle loro famiglie‘.

Leggi l’approfondimento sulla situazione in Medio Oriente e Nord Africa

 

FINE DEL COMUNICATO                                                                             Roma, 5 febbraio 2011

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it