Egitto, un generale ammette: '17 donne costrette al test di verginità' - Amnesty International Italia

Egitto, un generale ammette: ’17 donne costrette al test di verginità’

31 maggio 2011

Tempo di lettura stimato: 4'

Amnesty International ha chiesto alle autorità egiziane di portare davanti alla giustizia coloro che hanno ordinato o eseguito ‘test di verginità’ forzati, dopo che un generale egiziano ha riferito alla Cnn che 17 donne arrestate il 9 marzo in piazza Tahrir, al Cairo,erano state costrette a sottoporsi a ‘test di verginità”; il governo aveva precedentemente negato.

Il generale, che ha parlato sotto condizione di anonimato, ha detto al giornalista che lo intervistava: ‘Mica erano come sua figlia o sua figlia. Quelle ragazze stavano nelle tende insieme a dei manifestanti di sesso maschile’.

Queste parole sono una giustificazione completamente perversa di una degradante forma di abuso. Le donne sono state sottoposte a un atto che non è niente di meno che una forma di tortura‘ – ha dichiarato Amnesty International. ‘Le autorità egiziane devono condannare questi atteggiamenti discriminatori, oltraggiosi e offensivi che sono stati utilizzati per giustificare la tortura nei confronti delle donne che manifestavano in piazza Tahrir, atteggiamenti che sono evidentemente radicati ai più alti livelli‘.

A marzo, Amnesty International aveva raccolto le testimonianze di manifestanti che erano state costrette a sottoporsi al ‘test di verginità’ e aveva chiesto al Consiglio supremo delle forze armate egiziane di indagare. Al momento, non c’è stata alcuna risposta.

Il generale ha anche detto alla Cnn che il motivo dei test era che ‘noi non volevamo che loro dicessero che  le avevamo  stuprate e quindi volevamo dimostrare che non erano vergini’.

L’insinuazione del generale che solo le vergini possono essere vittime di stupro è un atteggiamento sessista a lungo screditato e un’assurdità giuridica. Quando viene accertato un caso di stupro è irrilevante se la vittima era o meno vergine. L’esercito deve immediatamente ordinare alle forze di sicurezza e ai soldati che questi ‘test’ sono vietati‘.

Dopo aver sgomberato piazza Tahrir il 9 marzo , il giorno dopo la Giornata internazionale delle donne, i militari avevano arrestato 18 donne. Dopo essere state picchiate e sottoposte a scariche elettriche 17 di loro erano state obbligate a denudarsi e a fare il ‘test di verginità’, con la minaccia di essere incriminate, in base all’esito, per prostituzione.

Le donne erano poi comparse di fronte a un tribunale militare l’11 marzo e rilasciate due giorni dopo. Diverse di esse erano state condannate a un anno di carcere, con la sospensione della pena, per vari reati tra cui condotta disordinata, distruzione di proprietà pubblica e privata, ostacolo alla circolazione e possesso di armi.

Amnesty International teme che gli atteggiamenti discriminatori e maschilisti nei confronti delle donne in Egitto  ostacolino la piena partecipazione delle donne alle riforme.

Sebbene siano state in prima linea nelle proteste di massa che hanno portato alle dimissioni del presidente Hosni  Mubarak, le donne sono assenti nel comitato per la riforma costituzionale e scarsamente rappresentate nel nuovo governo.

Il governo egiziano deve sostenere i diritti di tutte le donne egiziane, che così tanto sono impegnate per le libertà del paese, e stare dalla parte di coloro che lottano per l’uguaglianza di genere e per i diritti delle donne‘ – ha concluso Amnesty International.

 

Leggi il post ”Test di verginità’ nel nuovo Egitto sul blog di Amnesty e Corriere della Sera

(23 marzo 2011) Egitto: manifestanti costrette a fare il ‘test di verginità’