Emanuele Russo eletto presidente di Amnesty International Italia - Amnesty International Italia

Emanuele Russo eletto presidente di Amnesty International Italia

30 aprile 2019

Tempo di lettura stimato: 4'

Emanuele Russo è stato eletto presidente di Amnesty International Italia, al termine della XXXIV Assemblea generale dell’associazione, svoltasi a Villanova di Castenaso (Bologna) dal 26 al 28 aprile e alla quale hanno preso parte oltre 350 tra delegati e soci singoli.

Emanuele Russo, di Torino, attivista del movimento da 15 anni, ha collaborato con il Segretariato Internazionale, le Sezioni di Amnesty International Marocco, Polonia, Slovenia e le strutture di Nairobi e Johannesburg in progetti di Educazione ai Diritti Umani. Lavora nel campo dell’Educazione alla Cittadinanza Globale a CIFA Onlus ed è coordinatore italiano della Campagna Globale per l’Educazione. É in possesso di un Dottorato di Ricerca in Relazioni Internazionali e Scienze Politiche presso l’Università di Torino.

Nel corso dell’Assemblea, sono stati approvati la relazione del Comitato direttivo uscente e il bilancio consuntivo 2018 e sono state elette le nuove cariche direttive del movimento. È stata riconfermata come Tesoriera Maria Grazia Di Cerbo. Gli altri membri del nuovo Comitato direttivo sono: Osvalda Barbin, Chiara Bianchi, Miriam Cusati, Simona Di Dio, Giuseppe Provenza, Simone Samuele Rizza e Gerardo Romei.

È stato inoltre adeguato lo Statuto dell’associazione per renderlo conforme al nuovo Codice del Terzo Settore.

L’inizio dei lavori assembleari è stato preceduto da un saluto del sindaco di Bologna, Virginio Merola. Durante l’Assemblea, il graphic journalist Gianluca Costantini e il capitano della nazionale italiana di basket Pietro Aradori hanno ritirato, rispettivamente, i premi “Arte e diritti umani” e “Sport e diritti umani”.

All’Assemblea hanno preso parte numerosi ospiti che hanno approfondito diversi temi relativi ai diritti umani tra cui, in particolare, l’accoglienza dei migranti e rifugiati e il contrasto al discorso d’odio. Elisa Martini assegnista di ricerca post-dottorato presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento; Marco Guerini ricercatore in linguistica computazionale, con particolare attenzione alla comunicazione persuasiva e ai social media; Michele Rossi direttore del Centro Immigrazione Asilo e Cooperazione di Parma e provincia (CIAC Onlus); Alessia Giannoni, project manager a COSPE; Alessandra Falconi responsabile delle attività del Centro Alberto Manzi; Maajid Nawaz, anglo-pachistano, musulmano, cofondatore e presidente di Quilliam; Marco Omizzolo sociologo, responsabile scientifico di In Migrazione e ricercatore Eurispes; Fabiana Musicco fondatrice e presidente di Refugees Welcome; Serena Bersani, presidente dell’Associazione stampa dell’Emilia-Romagna, rappresentante regionale nella Commissione pari opportunità della Federazione nazionale della Stampa, componente di Gi.U.Li.A. Giornaliste; Luca Corsolini, giornalista, responsabile del programma sport di Matera Capitale Europea della Cultura, vicepresidente di Sport4Society.

Nel pomeriggio di sabato 27 aprile i partecipanti si sono trasferiti nel centro di Bologna, dando vita, in Piazza Maggiore, a un ispirato flash mob, con accompagnamento musicale, finalizzato a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza e l’urgenza della difesa dei diritti umani e la necessità di contribuire tutti, ognuno per la sua parte: “Per cambiare tutto, c’è bisogno di tutti”.

Roma, 29 aprile 2019

Per interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it