Il 2016 un anno da dimenticare per i diritti umani? - Amnesty International Italia

Il 2016 un anno da dimenticare per i diritti umani?

21 dicembre 2016

Tempo di lettura stimato: 2'

Le notizie che ci hanno accompagnato in questi mesi del 2016 segnano un passo indietro per i diritti umani nel mondo. Dalle elezioni di Trump negli Stati Uniti alle restrizioni sempre più pericolose della libertà di espressione in Turchia e in Egitto; dalla recrudescenza delle azioni dei gruppi armati ai conflitti dimenticati e a quello in Siria, dalle crisi dei migranti al commercio irresponsabile delle armi e dei sistemi di sorveglianza.

Noi non ci siamo arresi e abbiamo scelto di non stare lì passivamente ad ascoltare tutte le brutte notizie di questo 2016.

Siamo entrati in azione.

Nel 2016, grazie a un movimento globale di oltre 7 milioni di persone abbiamo contribuito alla scarcerazione di quasi 650 prigionieri di coscienza (una media di poco meno di due al giorno), a migliorare le leggi in 40 paesi e a far condannare criminali di guerra.

 

Queste sono le migliori notizie dell’anno, una per mese:


Le buone notizie del 2016

Lottiamo contro tutte le ingiustizie.
Aiutaci anche tu.

Dona

"Pensi che il 2016 sia da dimenticare? Guarda questo video di @amnestyitalia #buon2017 https://www.youtube.com/watch?v=1eA1qnWkdqE"