Francia: 'numero record' di sgomberi forzati di rom - Amnesty International Italia

Francia: ‘numero record’ di sgomberi forzati di rom

24 settembre 2013

Tempo di lettura stimato: 5'

In Francia, nella prima metà del 2013, oltre 10.000 rom sono stati sgomberati da insediamenti informali. Lo ha denunciato, in un rapporto pubblicato oggi, Amnesty International che ha accusato il governo francese di non aver tenuto fede alla promessa di fermare il circolo vizioso degli sgomberi forzati delle comunità rom, che hanno raggiunto un numero record. L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto l’introduzione del divieto di eseguire sgomberi forzati.

‘In Francia non esiste alcuna protezione efficace contro gli sgomberi forzati. Nella maggior parte dei casi, questi vengono eseguiti in un clima ostile, senza che sia offerto alcun alloggio alternativo. I rom sono così condannati a una vita di costante insicurezza e a vagare da un campo informale a un altro. Gli sgomberi forzati dovrebbero essere vietati per legge’ – ha dichiarato John Dalhuisen, direttore del Programma Europa e Asia Centrale di Amnesty International.

In Francia vivono circa 20.000 migranti rom, in gran parte originari di Romania, Bulgaria ed ex Jugoslavia, quasi tutti fuggiti da una condizione di povertà cronica e discriminazione. Un quarto della popolazione rom vive nelle regioni di Lione e Lilla.

Quando, l’anno scorso, il presidente Francois Hollande è salito al potere, ha promesso un cambiamento complessivo di tono e di politiche nei confronti dei rom, ma ci sono stati pochi cambiamenti effettivi. Nell’agosto 2012, il governo ha emanato linee guida sulle misure che devono essere prese prima e durante gli sgomberi forzati e ha istituito un comitato interministeriale per coordinare l’azione politica.

‘Le nuove misure non sono state prese per porre fine agli sgomberi forzati e non sono in linea con gli standard internazionali sui diritti umani. Le linee guida sono discrezionali e sono seguite in modo incoerente, mentre il comitato interministeriale è privo di peso politico; nonostante le sue buone intenzioni, i suoi sforzi sono continuamente minati dalla pressione per eseguire sgomberi a tutti i costi’ – ha proseguito Dalhuisen.

Gli sgomberi forzati si susseguono a un ritmo allarmante. Il rapporto di Amnesty International, ‘Condannati a vagare. Gli sgomberi forzati dei rom in Francia’, esamina cosa è accaduto a un anno di distanza dalla pubblicazione delle linee guida.

All’inizio dell’estate del 2013, una delegazione di Amnesty International ha visitato il più grande campo informale di Lilla, con una popolazione di 800 persone. Il 18 settembre il campo è stato sgomberato. A oggi, le autorità locali hanno trovato alloggio solo per tre famiglie, mentre gran parte degli altri si è spostata in campi informali nelle città vicine.

Adela, 26 anni, madre di quattro figli, ha subito 15 sgomberi forzati in 10 anni: ‘Se non c’è alcun alloggio alternativo, se non possono fare nulla per aiutarci, perché non ci lasciano stare qui? Non abbiamo un posto dove andare, non possiamo dormire in strada come i senzatetto’ – ha protestato.
Amnesty International chiede la modifica delle linee guida in modo che possano esserci consultazioni effettive con le comunità rom, queste siano informate sugli sgomberi in programma in modo adeguato e con ragionevole anticipo e siano loro offerte alternative abitative. Tutti gli sgomberi forzati, secondo l’organizzazione per i diritti umani dovrebbero essere proibiti per legge.

Le comunità rom continuano a essere espulse dalle loro abitazioni, senza essere consultate né informate in modo appropriato. Spesso, non hanno altre scelta che cercare un riparo in altri campi informali’ – ha sottolineato Dalhuisen. ‘Il governo francese deve rispettare i suoi impegni internazionali e porre in essere misure efficaci di protezione contro gli sgomberi forzati’.