Gaza: necessaria un'inchiesta indipendente sugli attacchi - Amnesty International Italia

Gaza: necessaria un’inchiesta indipendente sugli attacchi

16 gennaio 2009

Tempo di lettura stimato: 4'

Gaza: Amnesty International chiede un’inchiesta indipendente sul bombardamento della sede Onu e si dice preoccupata per l’uso del fosforo bianco da parte dell’esercito israeliano. La Sezione Italiana dell’organizzazione per i diritti umani aderisce alle iniziative in programma domani ad Assisi

CS005: 16/01/2009

Amnesty International ha chiesto l’avvio immediato di un’inchiesta indipendente sul bombardamento, avvenuto ieri mattina, della sede dell’Unrwa (l’agenzia dell’Onu per i rifugiati) di Gaza. L’attacco ha interrotto la distribuzione degli aiuti umanitari alla già martoriata popolazione, ha provocato l’incendio di uno stabile in cui erano depositati generi di prima necessità e ha causato il ferimento di tre impiegati dell’agenzia.

Secondo l’Unrwa, che nei giorni scorsi aveva più volte chiesto all’esercito israeliano di non aprire il fuoco nei pressi dei suoi uffici, nel corso dell’attacco è stato usato anche fosforo bianco.

L’attacco all’Unrwa, ufficio che notoriamente svolge attività umanitarie, evidenzia la necessità di un’inchiesta approfondita e imparziale su tutta una serie di attacchi in cui sono stati feriti o uccisi civili e sono stati distrutti edifici e strutture civili‘ – ha dichiarato Malcolm Smart, direttore del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International.

Siamo particolarmente preoccupati per l’uso da parte di Israele del fosforo bianco, una sostanza che procura gravi ustioni quanto entra in contatto con la pelle. Sebbene non proibito dal diritto internazionale, il fosforo bianco è un’arma incendiaria che, a causa dei suoi effetti devastanti, non dovrebbe essere mai usata in zone densamente popolate‘ – ha aggiunto Smart.

Il diritto internazionale vieta inequivocabilmente attacchi contro personale, installazioni, materiali, unità e veicoli impegnati in missioni di assistenza umanitaria. Attacchi del genere possono costituire crimini di guerra‘ – ha concluso Smart.

La Sezione Italiana di Amnesty International prenderà parte alle iniziative in programma domani, sabato 17, ad Assisi. L’organizzazione continua a chiedere una tregua permanente, il soccorso e l’evacuazione dei feriti, l’accesso senza ostacoli degli aiuti umanitari, l’ingresso di osservatori sui diritti umani e l’avvio di inchieste per accertare le responsabilità dei crimini di guerra commessi da entrambe le parti in conflitto nelle ultime tre settimane.

FINE DEL COMUNICATO                                                         Roma, 16 gennaio 2009

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell.348-6974361, e-mail press@amnesty.it

(14 gennaio2009) Il collasso umanitario della Striscia di Gaza
(13 gennaio 2009) Gaza: Necessario accertare le responsabilità per i crimini di guerra
(8 gennaio 2009) Israele / Striscia di Gaza, Amnesty International: ‘È necessaria una voce europea più decisa per sbloccare la crisi umanitaria in Medio Oriente’
(7 gennaio 2009) Israele /Striscia di Gaza: Amnesty International chiede un’immediata tregua umanitaria’
(29 dicembre 2009) Israele/Gaza, ulteriore appello di Amnesty International: porre fine agli attacchi illegali e affrontare le necessità immediate della popolazione

(29 dicembre 2009) Amnesty International chiede protezione per i civili a Gaza e nel sud d’Israele