Ghana, ucciso giornalista che aveva rivelato la corruzione nel calcio - Amnesty International Italia

Ghana, ucciso giornalista che aveva rivelato la corruzione nel calcio

17 gennaio 2019

Tempo di lettura stimato: 1'

Accra, capitale del Ghana, tarda serata del 16 gennaio: Ahmed Hussein-Suale sta guidando verso casa. La sua automobile viene affiancata da una motocicletta. L’uomo alle spalle del conducente esplode tre colpi d’arma da fuoco. Letali.

Ahmed Hussein-Suale faceva parte di un consorzio chiamato Tiger Eye Private Investigations, che si era occupato della corruzione all’interno del mondo del calcio. Dopo la pubblicazione di una prima inchiesta, il presidente della Federazione calcistica ghanese era stato radiato a vita.

Dello scandalo si era occupato anche il canale Africa Eye della Bbc, con un documentario trasmesso nel 2018 e che aveva ripreso l’inchiesta di Tiger Eye.

Dopo la messa in onda del documentario, il parlamentare Kennedy Agyapong aveva diffuso le foto di Hussein-Suale incitando al suo assassinio.

Quello di Hussein-Suale è il secondo omicidio di un giornalista in Ghana dal 1992.