Giamaica: necessaria un'indagine completa sulle violenze - Amnesty International Italia

Giamaica: necessaria un’indagine completa sulle violenze

27 maggio 2010

Tempo di lettura stimato: 2'

(28 maggio 2010)

Amnesty International ha chiesto un’indagine completa sulla morte di decine di persone a Kingston, capitale della Giamaica, durante un’operazione lanciata dalle forze di sicurezza per arrestare un presunto trafficante di droga.

Le violenze sono iniziate domenica 23 maggio, quando sostenitori armati del presunto trafficante Christopher ‘Dudus’ Coke hanno protestato contro la sua possibile estradizione verso gli Stati Uniti d’America. Lo stesso giorno, il primo ministro giamaicano ha dichiarato lo stato di emergenza, conferendo alle forze di sicurezza nuovi ampi poteri per limitare la libertà di movimento, effettuare perquisizioni senza mandato e trattenere persone sospettate di coinvolgimento in attività illegali senza avere un mandato.

Secondo quanto riportato, il numero di morti varierebbe da 40 a 60; almeno tre agenti delle forze di sicurezza hanno perso la vita. Inoltre, più di 500 persone sarebbero state poste in stato di fermo a seguito dell’introduzione dello stato di emergenza.
                                                                        
Maggiori informazioni sono disponibili online

 
Rapporto Annuale 2010 – Giamaica