Gianmarco Saurino si aggiudica il premio "Arte e diritti umani" - Amnesty International Italia

Gianmarco Saurino si aggiudica il premio “Arte e diritti umani”

24 Luglio 2020

Tempo di lettura stimato: 3'

Il 23 luglio, nel corso della rassegna di Amnesty International “Diritti al cinema” presso il Teatro Garbatella a Roma, è stato consegnato il premio Arte e diritti umani 2020 a Gianmarco Saurino.

L’attore si aggiudica il premio con la seguente motivazione: “Gianmarco Saurino è più che un testimonial di Amnesty International Italia. Ne è parte a tutti gli effetti, non solo perché partecipa alle nostre iniziative e ci ospita nelle sue, ma anche e soprattutto per l’empatia e la solidarietà che ha sempre dimostrato negli incontri con le vittime di violazioni dei diritti umani”.

Gianmarco Saurino, attore, è fondatore e direttore artistico di Divina Mania, compagnia teatrale e collettivo artistico.

Credo che la vita di un artista non possa prescindere da una visione politica chiara, orientata e precisa – ha dichiarato il protagonista e volto notissimo di numero serie RAI italiane e internazionali –. L’idea di essere premiato semplicemente per essermi messo al servizio di anime speciali, come quelle di chi dà corpo ad Amnesty, è un onore gigantesco e che non saprei come ripagare se non sostenendo la difesa dei diritti umani ovunque e dappertutto con più forza, con più voce, con più anima. È una battaglia enorme che va avanti ogni giorno, da anni, davanti alla quale non possiamo non farci trovare pronti“.

Formatosi alla Scuola Nazionale di Cinema – Centro sperimentale di Cinematografia sotto la guida di Giancarlo Giannini, Saurino lavora sui palchi più importanti d’Italia prima di approdare al grande pubblico televisivo. Nell’ultima serie tv, “DOC”, affianca Luca Argentero nel racconto della vera storia di Pierdante Piccioni. È vincitore della 44a edizione dell’Oscar dei Giovani.

Il premio “Arte e diritti umani”, istituito da Amnesty International Italia nel 2008, viene assegnato ogni anno a chi, attraverso la sua produzione artistica, ha contribuito a sensibilizzare e a mobilitare l’opinione pubblica in favore della difesa dei diritti umani. Negli anni scorsi è stato assegnato ad Alessandro Gassman, Modena City Ramblers, Giobbe Covatta, Paolo Fresu, Ivano Fossati, Antonio Pappano, Canzoniere Grecanico Salentino, Veronica Pivetti, Luca Bussoletti, Andrea Segre, Costanza Quatriglio e Gianluca Costantini.