Giornata mondiale del rifugiato: appello di Amnesty International all'Italia sulla cooperazione con la Libia - Amnesty International Italia

Giornata mondiale del rifugiato: appello di Amnesty International all’Italia sulla cooperazione con la Libia

18 giugno 2012

Tempo di lettura stimato: 4'

In occasione della Giornata mondiale del rifugiato del 20 giugno, Amnesty International ha diffuso un appello al governo italiano relativo alla cooperazione con la Libia in materia di controllo dell’immigrazione.

L’organizzazione per i diritti umani si dice preoccupata per la ripresa della cooperazione bilaterale tra Italia e Libia, sulla base dell’accordo firmato il 3 aprile a Tripoli dai ministri dell’Interno dei due paesi, il cui contenuto è stato reso noto dal quotidiano ‘La Stampa’ il 18 giugno, seppure Amnesty International ne chiedesse il testo al Viminale da oltre due mesi.

L’accordo del 3 aprile è stato sottoscritto nonostante le numerose denunce sulle violazioni in Libia dei diritti umani di migranti, rifugiati e richiedenti asilo e l’assenza in quel paese di meccanismi per determinare lo status di rifugiato.

L’appello di Amnesty International sollecita il governo italiano a garantire che la cooperazione bilaterale con la Libia in materia di controllo dell’immigrazione non causi, direttamente o indirettamente, violazioni dei diritti umani di migranti, richiedenti asilo e rifugiati e non ne tragga beneficio.

A tal fine, Amnesty International chiede al governo italiano di mettere da parte ogni accordo esistente con la Libia in tema di controllo dell’immigrazione e di avviare negoziati su futuri accordi del genere solo quando la Libia avrà dimostrato di rispettare e proteggere i diritti dei migranti, dei richiedenti asilo e dei rifugiati e avrà introdotto procedure adeguate per esaminare e riconoscere le richieste di protezione internazionale, tra le quali l’asilo.

Amnesty International sollecita infine il governo italiano a rendere pubblico ogni accordo in materia di controllo dell’immigrazione, con la Libia o con qualsiasi altro paese.

Il 20 giugno vi saranno oltre 100 proiezioni in contemporanea del documentario ‘Mare chiuso’ di Andrea Segre e Stefano Liberti. L’evento è organizzato nell’ambito della campagna ‘Mai più respinti!’, promossa da ZaLab con la collaborazione di Open Society Foundations e Amnesty International Italia.

Firma l’appello ‘L’Italia deve mettere da parte gli accordi con la Libia sul controllo dell’immigrazione’

Leggi l’elenco delle proiezioni di ‘Mare chiuso’

FINE DEL COMUNICATO                                                             Roma, 19 giugno 2012

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – Cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

(18 giugno 2012) L’accordo Italia – Libia in materia di immigrazione mette a rischio i diritti umani
(13 giugno 2012) Amnesty International chiede alle istituzioni europee di stare dalla parte dei migranti