Giornata mondiale per l'eliminazione della violenza sulle donne - Amnesty International Italia

Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne

23 novembre 2008

Tempo di lettura stimato: 5'

Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne: Amnesty International denuncia il legame tra povertà e violenza e lancia un’azione in favore delle donne colpite da Hiv/Aids in Sudafrica

CS154: 24/11/2008

In occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne, la Sezione Italiana di Amnesty International lancia una campagna in favore delle donne colpite da Hiv/Aids in Sudafrica.

Quello del Sudafrica è un tragico esempio del legame tra povertà e violenza. Se è vero che la violenza contro le donne colpisce donne di ogni etnia, età e classe sociale, tuttavia povertà e violenza sono fattori che si influenzano e si rafforzano a vicenda‘ – ha dichiarato Erika Bernacchi, responsabile del Coordinamento Donne della Sezione Italiana di Amnesty International.

In Sudafrica vivono cinque milioni e mezzo di persone colpite da Hiv/Aids, il più alto numero al mondo. Il 55% dei contagi riguarda le donne. La percentuale di donne tra i poveri e i disoccupati in Sudafrica è altissima e la povertà svolge una funzione di barriera all’accesso ai servizi sanitari per le donne contagiate nelle aree rurali del paese, a causa delle distanze e dei costi di trasporto.

Allo stesso tempo, il Sudafrica presenta elevati livelli di violenza sessuale e di altre forme di violenza legate al genere. Le donne al di sotto dei 25 anni sono da tre a quattro volte più a rischio di essere infettate dal virus dell’Hiv rispetto agli uomini nella stessa fascia d’età. L’impatto discriminatorio dei ruoli di genere e degli stereotipi ostacola a sua volta la capacità delle donne di proteggere se stesse e di prendere le decisioni migliori per la propria salute. Ad esempio, le donne spesso non sono in grado di insistere sull’uso del preservativo per proteggersi dal rischio di trasmissione del virus da un partner maschile, poiché sono economicamente e socialmente dipendenti da questo partner o dalla sua famiglia e/o perché rischiano di essere sottoposte a violenza o abbandonate solo per il fatto di aver suggerito di usare il preservativo. Questi modelli discriminatori, inoltre, mettono le donne a rischio di violenze, abbandoni o altri abusi quando fanno il test per l’Hiv e rivelano il loro stato.

Queste sono le conseguenze dell’intreccio letale tra violenza, povertà e discriminazione. Se non si dedicherà maggiore attenzione all’eguaglianza di genere e non verranno assunte misure concrete per porre fine alla violenza sulle donne, gli Obiettivi di sviluppo del millennio non potranno essere mai raggiunti‘ – ha commentato Bernacchi.

Nelle ultime settimane le attiviste e gli attivisti della Sezione Italiana di Amnesty International hanno partecipato alla campagna globale ‘Say NO to violence against women’, lanciata nel novembre 2007 dal Fondo delle Nazioni Unite per le donne (Unifem) con l’obiettivo di raccogliere e consegnare al Segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, un milione di firme.

Vogliamo dimostrare l’esistenza di un movimento globale di persone, in costante aumento, che chiede ai governi di tutto il mondo di considerare una priorità la fine della violenza contro le donne‘ – ha concluso Bernacchi.

L’azione in favore delle donne colpite da Hiv/Aids in Sudafrica fa parte della campagna ‘Mai più violenza sulle donne’, lanciata nel 2004 da Amnesty International, ed è possibile firmarla on line.

FINE DEL COMUNICATO                                             Roma, 24 novembre 2008

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail press@amnesty.it