Giulio Regeni: quali passi avanti chiesti e ottenuti verso la verità? - Amnesty International Italia

Giulio Regeni: quali passi avanti chiesti e ottenuti verso la verità?

14 dicembre 2017

Tempo di lettura stimato: 2'

Giulio Regeni: Amnesty International Italia continua a chiedere al governo quali passi avanti siano stati chiesti e ottenuti verso la verità

Alla vigilia del terzo mese dal ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo e dalla “normalizzazione” delle relazioni diplomatiche tra Italia ed Egitto, il presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi è tornato a chiedere al governo italiano se vi siano novità relative alla ricerca della verità sull’uccisione di Giulio Regeni.

Il 14 settembre, giorno del ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo, Amnesty International Italia ha assunto l’impegno di monitorare e chiedere conto dei risultati eventualmente ottenuti dal governo italiano in termini di collaborazione da parte delle autorità egiziane nelle indagini sul sequestro, sulla tortura e, infine, sull’assassinio di Giulio Regeni.

Nella terza lettera consecutiva inviata al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e al ministro degli Esteri Angelino Alfano, Amnesty International ha anche chiesto informazioni sulla nomina della figura di supporto tecnico alle indagini sulla vicenda di Giulio Regeni di cui non si è più avuta notizia.

È stato poi chiesto se durante l’incontro tra il ministro Alfano e il suo omologo egiziano, Sameh Shoukri, a margine del Forum Rome Med al Parco dei Principi di Roma, il 30 novembre, sia stato sollevato il tema dello stato delle indagini per l’accertamento della verità sulla sparizione, la tortura e l’uccisione di Giulio Regeni.

FINE DEL COMUNICATO

Roma, 13 dicembre 2017

Per chiedere “Verità per Giulio Regeni”:

https://www.amnesty.it/appelli/corri-con-giulio/

Per interviste:

Amnesty International Italia – Ufficio Stampa

Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it