Guantánamo: il Presidente Obama apre alle sfide di Amnesty International - Amnesty International Italia

Guantánamo: il Presidente Obama apre alle sfide di Amnesty International

22 gennaio 2009

Tempo di lettura stimato: 2'

22 gennaio 2008

Dopo anni di intense campagne da parte di Amnesty International (AI), le notizie secondo le quali il Presidente Obama ha ordinato la chiusura di Guantánamo e la fine della tortura rappresentano una vittoria conseguita al prezzo del duro impegno degli attivisti di AI e degli attivisti per diritti umani di tutto il mondo.
Tutti coloro che hanno partecipato a campagne su questi temi devono essere orgogliosi di quale importante obiettivo i loro instancabili sforzi abbiano conseguito.
 
Il 20 gennaio, a Guantánamo, la pubblica accusa aveva già chiesto ai giudici di sospendere per 120 giorni i procedimenti delle commissioni militari nei confronti di cinque prigionieri che, in precedenza, avevano trascorso fino a 4 anni e mezzo di detenzione in centri segreti della Cia prima di essere trasferiti, nel settembre 2006, a Guantánamo.

Nel documento si legge che il segretario alla Difesa Robert Gates ha, su ordine del presidente Barack Obama, chiesto al procuratore capo delle commissioni militari di sospendere tutti i procedimenti in corso, per consentire alla nuova amministrazione di ‘rivedere i casi dei detenuti attualmente a Guantánamo Bay, Cuba, che non siano in attesa di rilascio o trasferimento, allo scopo di determinare la necessità di un procedimento e quale sia la sede migliore per ogni futuro procedimento’.

La campagna condotta in questi anni da AI e da altre organizzazioni per i diritti umani sta dando i suoi risultati. Chiediamo all’Amministrazione Obama di continuare ad agire con urgenza per rimediare agli errori commessi nel corso dei sette anni precedenti in nome della lotta al terrorismo.

Firma la lista di priorità per il nuovo Presidente

Visita il sito di AI dedicato a ‘I primi 100 giorni di Obama’