India: violenze contro le minoranze cristiane - Amnesty International Italia

India: violenze contro le minoranze cristiane

1 ottobre 2008

Tempo di lettura stimato: 4'

India: Amnesty International sollecita il governo a far seguire alle parole i fatti e fermare la violenza contro le minoranze cristiane nello Stato di Orissa. Prosegue la raccolta di firme sul sito www.amnesty.it

CS127:02/10/2008

Amnesty International ha sollecitato il governo indiano a far seguire alle parole fatti concreti e garantire che le minoranze cristiane dello Stato di Orissa siano protette da ulteriori atti di violenza.

Nonostante il primo ministro indiano Manmohan Singh abbia dichiarato, lunedì scorso a Parigi, che la violenza è una ‘vergogna nazionale’ e che il suo governo ha preso una ‘posizione ferma’ per porvi fine, le minoranze cristiane continuano a essere esposte alla violenza.

Negli ultimi due giorni, infatti, sono ripresi gli attacchi da parte delle organizzazioni nazionaliste indù, come Vishwa Hindu Parishad e Bajrang Dal, nel distretto di Kandhamal. Il bilancio è di tre morti, oltre 15 feriti (tra cui alcuni poliziotti) e centinaia di sfollati.

Gli attacchi contro le minoranze cristiane sono iniziati il 24 agosto, dopo l’assassinio di un dirigente nazionalista indù e dopo una breve pausa sono ripresi alla fine di settembre. I morti sono almeno 28. Dai contatti in loco, Amnesty International ha potuto verificare che l’atmosfera d’insicurezza rimane diffusa, nonostante il governo centrale, su richiesta delle autorità dello Stato di Orissa, abbia schierato i riservisti della polizia paramilitare.

Nell’ultimo mese, il numero dei cristiani che hanno cercato riparo nei 25 rifugi istituiti dal governo di Orissa è salito da 12.000 a 20.000 ed è ancora in aumento. Amnesty International teme che molti di essi non possano rientrare nelle proprie abitazioni a causa delle minacce e dell’intimazione, da parte dei nazionalisti indù, a farlo solo dopo essersi convertiti all’induismo.

Amnesty International sollecita il governo centrale e quello di Orissa a:

porre immediatamente fine agli atti di violenza contro le minoranze cristiane nel distretto di Kandhamal;
fornire adeguata sicurezza nei rifugi e assicurare un pacifico rientro a casa degli sfollati;
garantire che le autorità competenti avviino indagini rapide e imparziali sugli atti di violenza, rendano pubbliche le conclusioni e portino di fronte alla giustizia i responsabili;
assicurino protezione ai diritti religiosi delle minoranze.

Prosegue la raccolta on line di firme per chiedere la fine delle violenze contro le minoranze cristiane nello Stato di Orissa.

FINE DEL COMUNICATO                                               Roma, 2 ottobre 2008
 
Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361 , e-mail: press@amnesty.it