Invia il tuo messaggio di solidarietà ad Ahmadreza e ai suoi cari

23 Dicembre 2020

Tempo di lettura stimato: 1'

Ahmadreza Djalali è stato condannato in via definitiva a morte da un tribunale iraniano con l’accusa di “spionaggio”.

Djalali è stato arrestato dai servizi segreti mentre si trovava in Iran per partecipare a una serie di seminari nelle università di Teheran e Shiraz.

Si è visto ricusare per due volte un avvocato di sua scelta.

Djalali non può telefonare alla sua famiglia in Iran, non può incontrare o parlare col suo avvocato, è in isolamento e perennemente minacciato di esecuzione: una grande tortura psicologica per lui e per i suoi cari!

Ora che si avvicinano le vacanze, non sappiamo cosa intende fare l’Iran e cosa accadrà ad Ahmadreza. Una sofferenza enorme per sua moglie e per i suoi figli che non sanno nulla del papà dopo tanti mesi.

Proprio adesso è il momento di non lasciarli soli!

Ahmadreza e Vida, siamo con voi! Invia il tuo messaggio

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali al fine di ricevere informazioni sulle campagne, anche di raccolta fondi e/o firme per appelli, dell'associazione Amnesty International Sezione Italiana via posta cartacea o telefono con operatore e via email, sms, mms, fax o altri sistemi automatizzati (es. messaggi su social network web). Informativa privacy policy