Iran, due settimane fuori dal carcere la prigioniera di coscienza Nazanin Zaghari-Ratcliffe - Amnesty International Italia

Iran, due settimane fuori dal carcere la prigioniera di coscienza Nazanin Zaghari-Ratcliffe

17 Marzo 2020

Tempo di lettura stimato: 2'

Iran, due settimane fuori dal carcere la prigioniera di coscienza Nazanin Zaghari-Ratcliffe. Amnesty International: “Appena possibile sia riunita alla sua famiglia”

Nazanin Zaghari-Ratcliffe, la cittadina irano-britannica condannata nel settembre 2016 a cinque anni di carcere per “appartenenza a un gruppo illegale”, ha ottenuto il permesso di trascorrere due settimane fuori dal carcere di Evin, a causa del timore che abbia contratto il Covid-19.

Nazanin è stata ritenuta colpevole di aver preso parte alla “definizione e alla realizzazione di progetti multimediali e informatici finalizzati alla caduta ‘morbida’ del governo“.

Le accuse contro di lei sono infondate: fino al momento del suo arresto Nazanin lavorava come project manager della Thomson Reuters Foundation, un ente non-profit che promuove il progresso socio-economico, il giornalismo indipendente e lo stato di diritto.

La priorità assoluta è che Nazanin riceva cure mediche appropriate, compresi gli accertamenti per verificare l’eventuale positività al virus. Ma non perdiamo di vista il fatto che Nazanin è una prigioniera di coscienza, condannata al termina di un processo irregolare, e che non avrebbe mai dovuto finire in carcere“, ha dichiarato Kate Allen, direttrice di Amnesty International Regno Unito.

Chiediamo alle autorità iraniane di porre fine a questo incubo e di consentirle a Nazanin di tornare nel Regno Unito, dove risiede la sua famiglia, non appena sarà in condizioni di salute idonee per viaggiare e le restrizioni ai viaggi lo consentiranno“, ha concluso Allen.