Iran, ondata di arresti in vista delle elezioni parlamentari del 2 marzo - Amnesty International Italia

Iran, ondata di arresti in vista delle elezioni parlamentari del 2 marzo

1 febbraio 2012

Tempo di lettura stimato: 4'

Amnesty International ha denunciato l’ondata di arresti di giornalisti e blogger in corso in Iran, nell’evidente tentativo di restringere la libertà d’espressione e impedire le critiche e un pubblico dibattito su questioni legate ai diritti umani e all’economia, nel periodo che precede le elezioni parlamentari del 2 marzo.
L’organizzazione per i diritti umani ha sollecitato le autorità iraniane a rilasciare tutte le persone arrestate nelle ultime settimane, a meno che non siano incriminate per un effettivo reato penale e processate secondo gli standard internazionali.

Amnesty International si è detta preoccupata anche per le dichiarazioni rilasciate l’8 gennaio dal ministro dell’Intelligence Heydar Moslehi, secondo il quale numerosi ‘sabotatori del processo elettorale’ erano stati arrestati mentre ‘cercavano di portare a termine i complotti statunitensi contro la nona elezione parlamentare’.

Tra le persone arrestate nelle ultime settimane, figurano:

Esmail Jafari, sindacalista, giornalista e blogger, arrestato il 28 dicembre dello scorso anno a Bushehr per iniziare a scontare una condanna a otto mesi di carcere inflittagli nel marzo 2009 per ‘reati contro la sicurezza nazionale”;

Fatemeh Kheradmand, scrittrice; Ehsan Houshmandzadeh, sociologo curdo; Saeed Madani, sociologo, ex prigioniero di coscienza e attivista dell’Alleanza religiosa nazionale. I tre sono stati arrestati il 7 gennaio;

Mehdi Khazali, figlio dell’ayatollah Abolghasem Khazali, membro del Consiglio dei guardiani, scrittore e blogger, arrestato per la quarta volta il 9 gennaio e picchiato nel corso dell’arresto;

Mohammad Solimaninia, traduttore e gestore di un network professionale simile a Linkedin, arrestato il 10 gennaio a Karaj;

Parastou Dokouhaki, ricercatrice, giornalista, blogger e attivista per i diritti delle donne, arrestata il 15 gennaio;

Peyman Pakmehr, direttore del sito Tabriz News, arrestato il 17 gennaio a Tabriz. Dopo una settimana è stato rimesso in libertà provvisoria, ma dovrà rispondere dell’accusa di ‘propaganda contro il sistema”;

Marzieh Rasouli, giornalista, arrestata il 17 gennaio per ‘reati contro la sicurezza nazionale’ e attualmente detenuta nella sezione 2A della famigerata prigione di Evin, a Teheran;

Sahamoddin Bourghani, giornalista, arrestato il 18 gennaio e detenuto a Evin;

Said Razavi Faghih, ex leader studentesco e giornalista, arrestato tra il 17 e il 18 gennaio all’aeroporto internazionale di Teheran appena atterrato da Parigi, detenuto a Evin;

Shahram Manouchehri, arrestato il 19 gennaio e detenuto in località sconosciuta.

 

FINE DEL COMUNICATO                                       1° febbraio 2012

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

Difendi i diritti umani in Iran: entra nella Rete!