Iraq, 31 esecuzioni: un bagno di sangue nell’ingiustizia - Amnesty International Italia

Iraq, 31 esecuzioni: un bagno di sangue nell’ingiustizia

24 gennaio 2017

Tempo di lettura stimato: 1'

Il 23 gennaio l’obitorio della città irachena di Samarrah ha ricevuto, per restituirli alle famiglie, i corpi di 31 prigionieri impiccati tre giorni prima.

Le persone messe a morte, a seguito di “confessioni” estorte con la tortura, erano state giudicate colpevoli del massacro avvenuto nel giugno 2014 alla base militare Speicher, nei pressi di Tikrit, dove 1700 cadetti erano stati uccisi ad opera del gruppo armato Stato islamico.

A Speicher è stato compiuto un massacro vile e orrendo cui il governo iracheno ha reagito a colpi di torture, processi irregolari e impiccagioni, nell’illusione di ripristinare la sicurezza ma in realtà alimentando un ulteriore ciclo di violenza.

Quella del 20 gennaio è stata la seconda esecuzione di massa, nel giro di sei mesi, di prigionieri condannati per il massacro di Speicher.