Israele, le restrizioni nei confronti di Mordechai Vanunu devono essere rimosse - Amnesty International Italia

Israele, le restrizioni nei confronti di Mordechai Vanunu devono essere rimosse

15 aprile 2014

Tempo di lettura stimato: 3'

Dieci anni dopo aver scontato una condanna per aver rivelato alla stampa informazioni sul programma nucleare israeliano, l’ex tecnico nucleare dell’impianto di Dimona Mordechai Vanunu subisce ancora gravi restrizioni alla sua libertà di movimento, di espressione e di riunione.

Nel 1986 Vanunu fornì al quotidiano britannico The Sunday Times informazioni sull’arsenale nucleare israeliano. Venne sequestrato a Roma, il 30 settembre dello stesso anno, da agenti dei servizi segreti israeliani e trasferito in Israele. Fu condannato a 18 anni di carcere, 11 dei quali trascorsi in isolamento.

Dal rilascio, avvenuto nel 2004, Vanunu  è sottoposto a sorveglianza di polizia. Tra i vari divieti che gli sono stati imposti, non può lasciare il paese, partecipare a chat online, entrare in ambasciate e consolati, avvicinarsi a meno di 500 metri dai confini internazionali, dai valichi di frontiera, dai porti e dagli aeroporti. Deve inoltre chiedere l’autorizzazione per comunicare con cittadini stranieri, giornalisti compresi.

Nel maggio 2010, Vanunu è stato imprigionato per tre mesi per aver parlato con cittadini stranieri e aver cercato di prendere parte alla messa di Natale a Betlemme. In quell’occasione, ha trascorso il periodo di carcere in isolamento ad Ayalon, in un’unità speciale per detenuti pericolosi, con una sola ora d’aria al giorno , ufficialmente per proteggerlo da attacchi da parte di altri prigionieri.

Le autorità israeliane sostengono che le restrizioni alla libertà di Vanunu sono necessarie per impedirgli di divulgare ulteriori segreti circa il programma nucleare israeliano. Vanunu ha più volte dichiarato che tutto ciò che sapeva lo ha già reso noto e che non è in possesso di ulteriori informazioni. Le informazioni che aveva al momento dell’arresto sono di pubblico dominio e sono vecchie di 30 anni. Continuare a perseguitarlo per motivi di sicurezza nazionale appare del tutto ridicolo e vendicativo.

In vista del rinnovo, previsto a maggio, Amnesty International ha pertanto sollecitato le autorità israeliane a rimuovere tutte le restrizioni nei confronti di Vanunu.