Italia: centinaia di Rom a rischio di sgombero forzato dall’insediamento informale di Gianturco a Napoli - Amnesty International Italia

Italia: centinaia di Rom a rischio di sgombero forzato dall’insediamento informale di Gianturco a Napoli

22 marzo 2017

Amnesty International/Claudio Menna

Tempo di lettura stimato: 11'

Amnesty International esprime preoccupazione per la minaccia di sgombero forzato imminente da parte delle autorità locali di circa 1.300 rom rumeni, che vivono nell’insediamento informale di Gianturco, nella città di Napoli. Le autorità municipali stanno pianificando il trasferimento di 200 degli sfrattati verso un nuovo campo attualmente in fase di costruzione da parte del Comune e co-finanziato dal Ministero dell’Interno. Centinaia di residenti, compresi bambini, anziani, malati e disabili, rischiano di rimanere senza casa.

A seguito di una recente visita sul campo a Napoli – dove i ricercatori di Amnesty International hanno incontrato le autorità comunali e intervistato decine di residenti di Gianturco – l’organizzazione ha scritto alle autorità locali il 21 marzo esortandole a fermare l’ordine di sfratto fino allo svolgimento di una vera consultazione con tutti i residenti per valutare alternative abitative ed evitare che centinaia di persone finiscano per strada. Amnesty International ha sollevato preoccupazioni con il Ministro dell’Interno sul finanziamento fornito al Comune di Napoli per la costruzione di un campo mono-etnico come principale alternativa abitativa per gli abitanti di Gianturco. Amnesty International ha anche lanciato un’azione urgente, un appello che l’organizzazione utilizza in caso di minaccia imminente per gli individui e le comunità, chiedendo ai suoi sostenitori in tutto il mondo di inviare lettere alle autorità italiane esortandole a evitare lo sgombero forzato previsto.

Un insediamento informale di lungo periodo
L’insediamento informale di Gianturco ospita circa 1.300 adulti e bambini rom, molti dei quali vivono in case auto-costruite in mattoni, legno e lamiere (secondo i dati forniti dal Comune sono 850 le persone che vivono nell’insediamento, ma la comunità e le ONG forniscono dati più alti). Decine di famiglie sono state trasferite a Gianturco dopo che il campo in cui vivevano era stato messo a fuoco da sconosciuti nel 2011. Il campo distrutto si trova in via del Riposo, lo stesso luogo dove il Comune sta attualmente costruendo un nuovo campo per ospitare alcune delle famiglie di Gianturco.

Negli ultimi mesi, gli abitanti hanno riferito di frequenti controlli e perquisizioni da parte delle autorità preposte, con conseguente sequestro di scorte alimentari, automobili, scooter e carrelli che le famiglie utilizzano per il trasporto di materiali riciclabili raccolti in tutta la città. Hanno anche riferito di casi di molestie da parte di agenti delle forze dell’ordine che hanno ripetutamente detto loro di lasciare il campo. Inoltre, il sostentamento della comunità è stato significativamente influenzato dal divieto da parte delle autorità di tenere un mercato informale di beni di seconda mano nella piazza dell’insediamento.

Il Comune non è venuto a parlare con noi, non sono venuti a chiedere chi è malato, chi ha bisogno. A loro non importa di noi. La polizia ci ha impedito di allestire il mercato, ci hanno detto: tutti i rom fuori! Non si rendono conto che abbiamo bambini piccoli, non siamo in una giungla, ma ci trattano come animali”, ha detto un residente ad Amnesty International.

Nessun avviso adeguato o consultazione effettiva con i residenti di Gianturco
Secondo le informazioni raccolte da Amnesty International, un ordine di sfratto del Tribunale dal terreno di proprietà privata sui cui si sviluppa Gianturco è stato emesso a gennaio 2016, chiedendo lo sgombero entro 30 giorni. Alcune delle famiglie sono state informate del provvedimento, ma molti dei residenti non hanno mai ricevuto alcuna documentazione. Il Comune ha confermato ad Amnesty International che solo una parte dei residenti ha ricevuto la notifica da parte del giudice. Il Comune è riuscito a negoziare diverse proroghe del termine di sfratto con le autorità giudiziarie, ma il 27 febbraio 2017 ha comunicato ad Amnesty International che lo sgombero avrebbe avuto luogo a breve, senza ulteriori proroghe possibili.

Pur avendo avuto più di un anno di tempo, nessuna reale consultazione è stata effettuata dal Comune per valutare tutte le alternative possibili allo sgombero e le opzioni di alloggio alternative per tutte le famiglie.

Tutti i residenti con cui i ricercatori di Amnesty International hanno parlato hanno riportato di avere ricevuto pochissime informazioni su quello che stava per accadere. I residenti non erano a conoscenza della data esatta per lo sfratto o delle alternative a loro disposizione. Molti hanno parlato della paura che i loro figli siano costretti a dormire per strada. Altri sono preoccupati per i loro averi e per le risorse che hanno investito nel corso del tempo per migliorare le loro case a Gianturco.

Abbiamo vissuto qui per quasi cinque anni. Ho 6 bambini. [Le autorità] dovrebbero farci stare qui [a Gianturco] … se questo non è possibile, ci devono dare un altro posto dove stare, ma non possiamo essere lasciati per strada con i nostri figli”, ha detto una donna di 26 anni.

Reinsediamento di circa duecento persone in un campo di segregazione etnica e rischio per centinaia di rom di rimanere senza casa

Se ci sfrattano, non so dove andremo. Sono malato, nessuno è venuto a chiederci nulla. É inutile che io gridi, nessuno mi aiuta. Ho bisogno di vivere normalmente, sono malato. Dopo, non so dove andrò. Non so cosa farò”, dice un anziano ad Amnesty International.

Secondo le informazioni raccolte da Amnesty International, il Comune prevede di spostare circa 200 abitanti di Gianturco in un nuovo campo di segregazione etnica, attualmente in costruzione in via del Riposo, sempre a Napoli, con fondi messi a disposizione dal Comune e dal Ministero dell’Interno. Il Comune ha riferito ad Amnesty International che alcuni piccoli appartamenti confiscati a reti di criminalità organizzata saranno utilizzati per reinsediare alcuni degli abitanti di Gianturco; e che inoltre metterà a disposizione un totale di 75.000 euro come supporto temporaneo a 25 famiglie per un contributo all’affitto da privati a determinate condizioni. Tuttavia, il Comune ha riconosciuto che centinaia di persone, compresi bambini, non saranno inserite in un programma di alloggio alternativo e quindi sono a rischio di rimanere senza casa.

Le autorità italiane in violazione degli obblighi internazionali e regionali sui diritti umani

Amnesty International è consapevole che le opzioni di alloggio descritte non offrono alternative per tutte le persone che attualmente risiedono a Gianturco, anche sulla base della cifra più bassa stimata di 850 persone, fornita dalle autorità. Inoltre, l’offerta di un nuovo campo di segregazione come principale alternativa al reinsediamento per circa 200 degli abitanti è discriminatoria.

La minaccia di sfratto imminente forzato e il piano a lungo termine per il trasferimento delle famiglie in un campo di segregazione mono-etnica si scontra con gli impegni assunti dall’Italia nella sua Strategia nazionale per l’inclusione delle comunità rom, sinti e camminanti, adottata nel 2012, e che impegna le autorità a porre fine alla segregazione dei rom nei campi; mettendo l’Italia in una posizione di violazione degli standard internazionali sui diritti umani e regionali, tra cui la Direttiva europea sull’uguaglianza razziale.

Amnesty International, insieme a diverse altre ONG, ha più volte denunciato la violazione dei diritti umani di migliaia di rom in tutta Italia che continuano ad affrontare sgomberi forzati, segregazione nei campi e discriminazione nell’accesso agli alloggi sociali. É in questo contesto che l’organizzazione ha ripetutamente invitato la Commissione europea ad avviare una procedura di infrazione contro l’Italia sotto la direttiva sull’uguaglianza razziale. Le potenziali violazioni dei diritti umani che devono affrontare i residenti rom dell’insediamento di Gianturco rafforzano la necessità di tale azione da parte della Commissione europea, senza ulteriori ritardi.

Ulteriori informazioni

L’Italia aderisce a una serie di trattati internazionali e regionali sui diritti umani che vietano la discriminazione sulla base della razza e dell’origine etnica e richiedono di garantire il diritto a un alloggio adeguato per tutti, anche vietando, astenendosi e prevenendo sgomberi: soprattutto quegli sgomberi che vengono effettuati senza adeguato preavviso e genuina consultazione con gli interessati, senza garanzie giuridiche e senza garanzie di una sistemazione alternativa adeguata. Questi trattati includono il Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, il Patto internazionale sui diritti civili e politici, la Convenzione sui diritti del fanciullo e la Convenzione internazionale sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione. Il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti sociali, culturali ed economici ha sottolineato nel Commento Generale 7 che gli sgomberi devono essere eseguiti solo come ultima risorsa, una volta che tutte le altre alternative possibili siano state esplorate in reale consultazione con le comunità interessate. Anche se uno sfratto è ritenuto giustificato, può essere effettuato solo quando protezioni procedurali adeguate siano in atto e quando l’indennizzo per le perdite e un’adeguata sistemazione alternativa sia prevista per tutte le persone colpite.

Dalle testimonianze raccolte da Amnesty International, queste garanzie non sembrano essere in atto in relazione allo sgombero di Gianturco ponendo in tal modo le autorità in violazione dei loro obblighi secondo una serie di trattati internazionali e regionali sui diritti umani.

FINE DEL COMUNICATO

Roma, 22 marzo 2017

L’azione urgente per evitare lo sgombero forzato a Gianturco

Per interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it