A Kabul un murale di Amnesty International per onorare i difensori dei diritti umani dell’Afghanistan - Amnesty International Italia

A Kabul un murale di Amnesty International per onorare i difensori dei diritti umani dell’Afghanistan

26 settembre 2018

Tempo di lettura stimato: 5'

Amnesty International ha inaugurato oggi nella capitale Kabul un murale per onorare la memoria dei tanti coraggiosi difensori dei diritti umani che sono stati assassinati in Afghanistan negli ultimi anni e chiedere alle autorità di riconoscere e garantire protezione alle tante persone che, per aver difeso e promosso i diritti umani, subiscono costanti minacce.

Giornalisti, studenti, avvocati, attivisti, sindacalisti e altri difensori dei diritti umani subiscono intimidazioni, minacce, persecuzioni e aggressioni solo perché svolgono attività legittime in difesa dei diritti di altre persone. In molti per questo motivo sono stati assassinati. Il governo afgano deve fare di più per la loro sicurezza.

“In Afghanistan i difensori dei diritti umani mostrano un enorme coraggio nonostante agiscano in un contesto estremamente difficile. Di fronte alle minacce alle loro vite, continuano a prendere la parola contro l’ingiustizia e a difendere i diritti degli altri. È davvero giunto il momento che le autorità afgane e la comunità internazionale agiscano per difendere i difensori dei diritti umani”, ha dichiarato Samira Hamidi, campaigner di Amnesty International sull’Asia meridionale.

“Chiediamo alle autorità afgane di condannare pubblicamente le minacce portate contro i difensori dei diritti umani e adottare leggi che riconoscano e proteggano la loro azione, garantendo loro il diritto alla libertà di manifestazione pacifica e di associazione. Questo sarebbe il primo passo verso la creazione di un ambiente sicuro e in grado di consentire ai difensori dei diritti umani di agire liberamente e senza paura”.

Nell’ambito della sua campagna “Coraggio”, Amnesty International e il collettivo artistico Artlords hanno inaugurato nel centro di Kabul un murale dedicato alla memoria di Shah Marai, il noto fotografo dell’Agenzia France Press (Afp) che ha perso la vita il 30 aprile insieme ad altri nove giornalisti mentre erano sul posto in cui poco prima c’era stato un attentato. Si è trattato del peggiore attacco mortale nei confronti dei giornalisti in Afghanistan.

Per oltre due decenni, Marai aveva raccontato con grande efficacia il conflitto in Afghanistan. In un periodo in cui l’attenzione del mondo stava scemando, insieme ad altri giornalisti aveva continuato a raccontare le storie delle vittime civili che, tra morti e feriti, ha raggiunto in questi ultimi anni numeri record.

L’Afghanistan rimane uno dei luoghi più pericolosi del mondo per i giornalisti. Nel corso di settembre, due giornalisti di TOLO News hanno perso la vita mentre trasmettevano in diretta da un quartiere di Kabul a maggioranza hazara, come sempre appena colpito da attentato. Negli ultimi 10 anni almeno 34 giornalisti locali e internazionali, sono stati uccisi e altri gravemente feriti a causa del loro lavoro. Solo nel 2018, l’anno più mortale per i giornalisti in Afghanistan, ne sono stati uccisi 12.

“Quella della campagna ‘Coraggio’ è la prima di una serie di azioni che Amnesty International ha deciso d’intraprendere per mettere in luce il lavoro di coloro, soprattutto le donne, che difendono i diritti umani in Afghanistan: attivisti, insegnanti, avvocati, studenti, sindacalisti e altri ancora. Continueremo a premere sulle autorità afgane affinché assicurino che i difensori dei diritti umani possano operare in un ambiente sicuro e privo di rischi di rappresaglia”, ha concluso Hamidi.

Ulteriori informazioni

Nel 2016, durante una conferenza organizzata dalla Commissione indipendente afgana per i diritti umani, il presidente Ashraf Ghani si era impegnato a proteggere i diritti dei difensori dei diritti umani: “La protezione dei difensori dei diritti umani è responsabilità del mio governo e degli organi legislativi e giudiziari”, aveva affermato.

L’anno prima il gruppo European Union Plus (composto dagli stati membri dell’Unione europea oltre a Canada, Norvegia e Svizzera) aveva abbozzato una strategia per sostenere i difensori dei diritti umani afgani con al centro un meccanismo di protezione.

Il murale mostra Shah Marai mentre tiene in mano la sua videocamera e un gruppo di difensori dei diritti umani dietro a uno striscione.

Il titolo del murale è “Shuja”, la traduzione di “Coraggio” in lingua dari. Il testo recita: “Non ti dimenticheremo. Tu hai difeso la giustizia, l’uguaglianza e tutti noi!”.