Kirghizistan, ergastolo per un difensore dei diritti umani - Amnesty International Italia

Kirghizistan, ergastolo per un difensore dei diritti umani

16 settembre 2010

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 15 settembre Azimzhan Askarov, direttore dell’organizzazione per i diritti umani Vozdukh, è stato condannato all’ergastolo e alla confisca dei propri beni dal tribunale di Nooken, nel sud del Kirghizistan.

Arrestato il 15 giugno mentre stava filmando e fotografando le violenze scatenate da bande criminali e forze di sicurezza kirghize ai danni della minoranza uzbeca, Askarov era stato accusato di aver preso parte all’omicidio di un poliziotto.

All’udienza del 6 settembre, Askarov e altri tre imputati presentavano lividi sul volto, non visibili durante la prima udienza, causati probabilmente da maltrattamenti subiti durante la custodia.

Al termine di un processo irregolare, è stato giudicato colpevole di aver tentato di catturare ostaggi, incitamento all’odio etnico, possesso di munizioni e possesso di letteratura estremista e organizzazione di violenze di massa.

Degli altri sette imputati nello stesso processo, altri quattro sono stati condannati all’ergastolo e tre a periodi di carcere da nove a 20 anni.