La decisione del Regno Unito di non sostenere operazione di ricerca e soccorso è imperdonabile - Amnesty International Italia

La decisione del Regno Unito di non sostenere operazione di ricerca e soccorso è imperdonabile

27 ottobre 2014

Tempo di lettura stimato: 3'

Commentando la notizia che il Regno Unito non sosterrà alcuna futura operazione di ricerca e soccorso in mare, in quanto tali operazioni non farebbero altro che incentivare un maggior numero di persone a intraprendere il viaggio, la direttrice generale di Amnesty International Regno Unito Kate Allen ha dichiarato: ‘Questo è un giorno nero per la statura morale del Regno Unito. Con un’operazione di cui c’era un estremo bisogno, la Marina italiana ha salvato migliaia di vite nel Mediterraneo. Gli altri paesi europei dovrebbero agire per condividere la responsabilità, anziché sottrarvisi‘.

La vaga prospettiva di essere salvati non è mai stata un incentivo. La guerra, la povertà e la persecuzione sono ciò che spinge le persone alla disperazione e a correre rischi terribili’ – ha proseguito Allen.’La storia giudicherà imperdonabile questa decisione. Quando è giunto il momento di agire, il Regno Unito ha girato le spalle a persone disperate per lasciarle annegare‘.

Condividiamo lo sconcerto per questa decisione, che conferma quanto gli stati membri dell’Unione europea non siano pronti né intenzionati ad assumere comunemente una responsabilità che negli ultimi 12 mesi è stata solo italiana’ – ha sottolineato a sua volta Gianni Rufini, direttore generale di Amnesty International Italia. ‘Per questo, continuiamo a chiedere all’Italia di portare avanti l’Operazione Mare Nostrum: sospenderla in assenza di un’operazione europea analogamente efficace per mezzi, risorse e missione metterebbe nuovamente a rischio la vita di migliaia di persone che cercano protezione in Europa‘.

FINE DEL COMUNICATO                          Roma, 28 ottobre 2014

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361,
e-mail: press@amnesty.it