La Libia deve rispettare la richiesta del tribunale penale internazionale di consegnare Saif al-Islam Gheddafi - Amnesty International Italia

La Libia deve rispettare la richiesta del tribunale penale internazionale di consegnare Saif al-Islam Gheddafi

5 aprile 2012

Tempo di lettura stimato: 3'

Amnesty International ha giudicato positivamente la decisione presa il 4 aprile dal Tribunale penale internazionale (Icc), che ha chiesto alla Libia di consegnare Saif al-Islam Gheddafi.

‘Questa decisione dovrebbe porre davvero fine alla lunga saga riguardante il destino di Saif al-Islam Gheddafi. La Libia deve rispettarla e darvi seguito senza ritardo’ – ha dichiarato Marek Marczynski, direttore del gruppo Giustizia internazionale presso il Segretariato Internazionale di Amnesty International.

‘Un processo di fronte a un tribunale libico, dove l’imputato rischierebbe la pena di morte, non servirebbe in alcun modo la giustizia. Fino a quando il sistema giudiziario libico sarà debole e non saranno in vigore norme sulla procedura penale, il ruolo dell’Icc resterà fondamentale nell’accertamento delle responsabilità per le violazioni dei diritti umani in Libia’ – ha aggiunto Marczynski.

Il sistema giudiziario libico, infatti, continua a essere praticamente paralizzato e i procedimenti contro migliaia di detenuti, per lo più indiziati di crimini di guerra, devono ancora avere inizio: nel frattempo, la maggior parte di essi è trattenuta in strutture che si collocano al fuori del contesto legale e non ha accesso agli avvocati. Amnesty International teme che i detenuti siano stati costretti a confermare, firmandole o timbrandole col pollice, ‘confessioni’ estorte sotto tortura o coercizione.

Saif al-Islam Gheddafi è ricercato dall’Icc per crimini contro l’umanità in relazione alla brutale soppressione delle manifestazioni dello scorso anno, sotto il governo del padre.

Dal novembre scorso, quando è stato catturato, Saif al-Islam Gheddafi è stato tenuto in isolamento in un luogo segreto di Zintan, senza accesso a un avvocato né mezzi per comunicare coi suoi familiari.

La decisione dell’Icc conferma che i diritti delle persone sospettate di aver commesso crimini devono essere tutelati.

Amnesty International ha sollecitato l’Icc e le autorità libiche a prendere misure urgenti per assicurare che i diritti di Saif al-Islam Gheddafi siano protetti.

FINE DEL COMUNICATO                                                                                 Roma, 5 aprile 2012

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it