La Nuova Zelanda accetta la richiesta d'asilo dello scrittore curdo Behrouz Boochani - Amnesty International Italia

La Nuova Zelanda accetta la richiesta d’asilo dello scrittore curdo Behrouz Boochani

24 Luglio 2020

Tempo di lettura stimato: 1'

Finalmente, il 23 luglio, lo scrittore e giornalista curdo iraniano Behrouz Boochani ha ottenuto asilo politico in Nuova Zelanda, dove si era recato nel 2019 per presentare i suoi lavori.

Boochani è stato trattenuto dal 2013 al 2019 nel centro di detenzione per migranti dell’isola di Manus, nello stato di Papua Nuova Guinea, gestito e finanziato dall’Australia nel contesto delle sue politiche di gestione “offshore” dell’immigrazione.

Da lì, in condizioni estreme, ha scritto oltre 100 articoli pubblicati sulla stampa internazionale e nel 2018 il libro “Nessun amico se non le montagne“, uscito anche in Italia grazie ad Add Editore. Ha persino realizzato un documentario, girato con un telefonino entrato di nascosto a Manus, “Chauka, Please Tell Us The Time“, proiettato nei festival di ogni parte del mondo.

Le buone notizie di Amnesty International Italia sono anche su Pressenza.