La Sezione Italiana di Amnesty International aderisce alla Marcia per la pace Perugia-Assisi sfilando dietro lo striscione '1500 morti nel Mediterraneo. Europa dove sei?' - Amnesty International Italia

La Sezione Italiana di Amnesty International aderisce alla Marcia per la pace Perugia-Assisi sfilando dietro lo striscione ‘1500 morti nel Mediterraneo. Europa dove sei?’

20 settembre 2011

Tempo di lettura stimato: 4'

La Sezione Italiana di Amnesty International ha aderito anche quest’anno alla Marcia per la pace Perugia-Assisi.

Domenica 25 settembre, gli attivisti e le attiviste dell’associazione per i diritti umani e tutte le persone che vorranno unirsi a loro, sfileranno dietro allo striscione ‘1500 morti nel Mediterraneo. Europa dove sei?’, per ricordare le oltre 1500 persone morte a partire da marzo nel mar Mediterraneo, mentre cercavano di fuggire dalla Libia e per chiedere all’Europa un accesso sicuro per le persone in fuga.

Pur essendo la protezione dei civili la ragion d’essere dichiarata dell’intervento della Nato in Libia, gli stati dell’Unione europea e la Nato non hanno adottato tutte le misure necessarie per garantire ai civili in fuga dalla Libia di mettersi in salvo.

Da quando è iniziata la guerra in Libia, molte persone hanno dovuto affrontare viaggi pericolosi, a volte fatali, attraversando il mar Mediterraneo verso le coste europee. Pur avendo ricevuto in questi mesi soltanto il 2 per cento dei richiedenti asilo, rifugiati e migranti fuggiti dalla Libia, gli stati dell’Unione europea non hanno esitato a parlare di un ‘afflusso di massa’, causato dall’instabilità nell’Africa del Nord e hanno continuato a perseguire politiche di controllo delle frontiere a spese dei diritti umani.

Questo segue a un periodo di intensa collaborazione con il governo del colonnello Gheddafi, cooperazione che ha di fatto dato sostegno a prassi abusive nei confronti di rifugiati e migranti e rispetto alla quale l’Italia ha giocato un ruolo fondamentale. Più di recente l’Italia, con una scelta che solleva le preoccupazioni di Amnesty International, si è impegnata in un memorandum firmato con il Cnt (il governo di transizione libico) a un’assistenza reciproca e alla cooperazione nella ‘lotta alla migrazione illegale’, incluso il ‘rimpatrio di migranti illegali’. La firma di questo memorandum mentre in Libia infuriava il conflitto, in totale assenza di adeguate garanzie per i diritti umani e per il diritto dei rifugiati, solleva profondi timori che i diritti umani di migranti e rifugiati vengano ancora una volta sacrificati dalle politiche europee verso la Libia.

I paesi europei, ricorda infine Amnesty International, sono vergognosamente venuti meno al dovere di aiutare migliaia di rifugiati, per lo più africani, abbandonati nei pressi dei confini libici: solo otto governi dell’Unione europea si sono detti disponibili a reinsediare meno di 800 dei 5000 rifugiati che versano in condizioni drammatiche lungo il confine libico-egiziano e libico-tunisino. Tra questi governi non c’è l’Italia, alla quale Amnesty International chiede di fare la sua parte per evitare altre perdite di vite umane e facilitare l’accesso alla protezione.

FINE DEL COMUNICATO                       Roma, 21 settembre 2011

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, 348-6976920 e-mail: press@amnesty.it

Per aderire alla Marcia per la pace scrivi subito ad action@amnesty.it
Visualizza l’evento su Facebook