Lampedusa 3 ottobre, Amnesty International Italia al fianco del Comitato 3 ottobre per la Giornata della memoria e dell’accoglienza - Amnesty International Italia

Lampedusa 3 ottobre, Amnesty International Italia al fianco del Comitato 3 ottobre per la Giornata della memoria e dell’accoglienza

30 settembre 2019

Tempo di lettura stimato: 3'

In occasione della Giornata della memoria e dell’accoglienza del 3 ottobre – organizzata dal “Comitato 3 ottobre” e istituita in ricordo delle 368 persone che persero la vita nel naufragio del 3 ottobre 2013 – Amnesty International Italia sarà a Lampedusa per sollecitare l’Unione europea a non voltare ulteriormente le spalle di fronte alla sofferenza e ai pericoli cui vanno incontro migranti e rifugiati nel Mediterraneo.

L’organizzazione per i diritti umani porterà sull’isola-simbolo dell’approdo sul territorio dell’Unione europea le sue richieste: percorsi sicuri e legali a disposizione di coloro che cercano salvezza in Europa, meccanismi rapidi ed efficaci per assicurare sbarco e ricollocazione delle persone soccorse in mare, potenziamento dei programmi di ammissione umanitaria e di ricongiungimento familiare e la revisione dei regolamenti di Dublino riguardanti la gestione delle domande d’asilo.

Amnesty International Italia è parte della campagna #siamosullastessabarca, creata dal “Comitato 3 ottobre” per promuovere il dialogo attorno al fenomeno migratorio, in particolar modo nelle nuove generazioni.

Attraverso incontri e laboratori oltre cinquecento ragazzi e ragazze delle scuole superiori provenienti da tutta Europa approfondiranno il lavoro delle associazioni e delle Ong che operano nel Mediterraneo e chiederanno all’Unione europea di mettere la vita delle persone al centro dell’azione politica comune e dei singoli stati membri.

La partecipazione degli studenti rientra nel progetto “Start the Change!” dell’Unione Europea, avente l’obiettivo di accrescere la consapevolezza dei giovani europei sugli Obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 delle Nazioni Unite in relazione ai fenomeni migratori.

Francesco Motta, testimonial di Amnesty International Italia, racconterà come il mondo della musica e dell’arte possano essere prezioso veicolo di cambiamento a favore dei diritti umani.

Roma, 30 settembre 2019

Per interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it