Lampedusa: l'Unione europea fermi le violazioni dei diritti umani - Amnesty International Italia

Lampedusa: l’Unione europea fermi le violazioni dei diritti umani

11 marzo 2009

Tempo di lettura stimato: 4'

Amnesty International: l’Unione europea chieda all’Italia di fermare le violazioni dei diritti umani di migranti e richiedenti asilo a Lampedusa

CS036: 12/03/2009

L’Unione europea deve fare pressioni sull’Italia perché assicuri che i diritti umani non siano violati a Lampedusa. Lo ha dichiarato Amnesty International alla vigilia della visita sull’isola del vicepresidente della Commissione europea.

In una lettera indirizzata al vicepresidente Barrot, Amnesty International ha espresso le proprie preoccupazioni per il trattamento riservato ai migranti e ai richiedenti asilo a Lampedusa, a seguito di un decreto emanato dal ministro dell’Interno Roberto Maroni a gennaio.

La decisione di bloccare migranti e richiedenti asilo a Lampedusa fino alla fine delle procedure amministrative di espulsione, piuttosto che trasferirli in altri centri sul territorio nazionale, ha avuto un grave impatto sui diritti umani‘ – ha dichiarato Nicolas Beger, direttore dell’Ufficio di Amnesty International presso l’Unione europea. ‘L’attuale situazione di Lampedusa ostacola la costruzione di una vera e propria aera di giustizia, libertà e sicurezza basata sul rispetto dei diritti fondamentali‘.

Amnesty International ha potuto recentemente visitare i centri di detenzione di Lampedusa. L’organizzazione per i diritti umani è preoccupata per la mancanza di un’equa e soddisfacente procedura d’asilo, l’illegittimità della detenzione di migranti e richiedenti asilo, le condizioni inumane dei centri e la mancanza di garanzie nella procedura di espulsione.

Nell’ultimo periodo vi sono stati, sull’isola, due incendi e condizioni di sostanziale sovraffollamento. Tali condizioni non corrispondono agli standard minimi stabiliti dal diritto internazionale.

La Commissione europea ha correttamente riconosciuto l’urgenza della situazione. Il vicepresidente Barrot deve ora valutare se le nuove disposizioni introdotte dal governo italiano costituiscano una violazione della legislazione dell’Unione europea e della Carta dei diritti fondamentali.

Amnesty International chiede al vicepresidente Barrot di premere sul governo italiano affinché:

ristabilisca il sistema di rapidi trasferimenti di migranti e richiedenti asilo da Lampedusa ad altri centri in Italia per la valutazione individuale dei casi, con piene garanzie procedurali e accesso a un’assistenza legale efficace;
garantisca che le procedure di espulsione verranno condotte nel pieno rispetto dei diritti dei richiedenti asilo e dei migranti.

FINE DEL COMUNICATO                                                 Brussels / Roma, 12 marzo 2009

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell.348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

Appello ‘Italia/Lampedusa: migranti a rischio di rimpatrio illegale’