L'esercito egiziano promette ad Amnesty International di non praticare più i 'test di verginità' - Amnesty International Italia

L’esercito egiziano promette ad Amnesty International di non praticare più i ‘test di verginità’

26 giugno 2011

Tempo di lettura stimato: 2'

Il maggiore Abdel Fattah al-Sisi, capo dei servizi segreti militari egiziani ha promesso, a seguito di un incontro col Segretario generale di Amnesty International Salil Shetty, che i ‘test di verginità’ non saranno più praticati. Nel corso del colloquio, lo stesso al-Sisi aveva giustificato l’uso di queste pratiche per ‘proteggere l’esercito da possibili accuse di violenza sessuale‘ nei confronti di un gruppo di manifestanti arrestate il 9 marzo in piazza Tahrir. Il maggiore al-Sisi ha anche aggiunto che in futuro l’esercito eviterà di arrestare le donne.

Le parole del maggiore al-Sisi devono tradursi in chiari e inequivoci ordini alle forze armate: le donne non dovranno mai più essere sottoposte a questo trattamento‘ – ha dichiarato Amnesty International.

Il maggiore al-Sisi ha poi affermato che c’è bisogno di un cambiamento culturale nelle forze armate e ha assicurato di aver dato istruzioni di non ricorrere alla violenza contro i manifestanti e di proteggere dai maltrattamenti le persone arrestate.

Speriamo che la rivoluzione egiziana del 25 luglio porti giustizia alle persone che hanno subito danni e maltrattamenti da parte delle forze di sicurezza. In questo momento, però, quello che più conta sono le azioni e non le parole‘ – ha concluso Amnesty International.

(1 giugno 2011) Egitto, un generale ammette: ’17 donne costrette al test di verginità’

(23 marzo 2011) Egitto: manifestanti costrette a fare il ‘test di verginità’

Leggi anche il post ‘Test di verginità’ nel nuovo Egitto sul blog di Amnesty e Corriere della Sera