Libia, ancora un altro manifestante ucciso dalle forze di sicurezza - Amnesty International Italia

Libia, ancora un altro manifestante ucciso dalle forze di sicurezza

18 febbraio 2011

Tempo di lettura stimato: 3'

Amnesty International ha sollecitato le autorità libiche a porre fine all’uso eccessivo della forza per reprimere le proteste antigovernative, all’indomani dell’uccisione di almeno un altro manifestante da parte della polizia.

Nacer Miftah Gout’ani è stato ucciso a colpi di arma da fuoco il 17 febbraio, nel corso di una manifestazione indetta in occasione del ‘giorno della collera’ nella città di Al Bayda, 100 chilometri a est di Bengasi. Decine di altre persone sono rimaste ferite. Negli scontri sono rimaste uccise almeno altre due persone e oltre 30 sono state ferite, di cui 11 in condizioni critiche. Numerosi sono stati gli arresti.

Le autorità libiche hanno cercato di smorzare la protesta anche prima che i manifestanti scendessero in piazza, ma non ha funzionato. Allora hanno iniziato a usare metodi brutali per punire e impaurire i manifestanti‘ – ha dichiarato  Malcolm Smart, direttore del Programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International. ‘La polizia ha il dovere, in Libia come altrove, di garantire l’ordine pubblico ma questo non significa usare armi letali o usare la forza eccessiva contro manifestanti pacifici. Anche quando le proteste si fanno violente, l’intervento della polizia non deve essere sproporzionato né eccessivo. Il ricorso alle armi letali dev’essere considerato solo come risorsa estrema‘.

Gli altri due manifestanti uccisi ieri sono Sa’d Idriss al-Yamani and Khaled Ennaji Khenifer. Una terza persona, una donna di cui non conoscono le generalità, è stata uccisa da un proiettile mentre stava assistendo alle proteste da una finestra della sua abitazione.

Secondo fonti non confermate, i manifestanti uccisi dal 16 febbraio in tutto il paese potrebbero essere almeno 12.

Le autorità libiche devono consentire lo svolgimento delle proteste pacifiche. La polizia e le forze di sicurezza devono rispettare i diritti dei manifestanti e non violarli. Il governo deve tenere a bada le proprie forze e ordinare l’apertura di un’inchiesta immediata e imparziale sull’uso della forza letale ed eccessiva cui si è ricorso finora‘ – ha aggiunto Smart.

FINE DEL COMUNICATO                                                                             Roma, 18 febbraio 2011

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

Approfondisci la situazione in Medio Oriente e Nord Africa