Libia: proteggere i civili durante possibile operazione militare di forze internazionali - Amnesty International Italia

Libia: proteggere i civili durante possibile operazione militare di forze internazionali

18 marzo 2011

Tempo di lettura stimato: 3'

Dopo l’approvazione della Risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza, che apre la strada a una possibile azione militare ad opera di forze internazionali,  Amnesty International ha sollecitato tutte le parti coinvolte a fare della protezione dei civili in Libia la loro massima priorità.

‘Mentre apprezziamo la forte enfasi sulla protezione dei civili in Libia contenuta nella Risoluzione 1973, chiediamo a tutte le parti coinvolte nel conflitto, compresa ogni forza esterna che agisca sotto l’autorità del Consiglio di sicurezza, di porre la protezione dei civili al di sopra di ogni altra considerazione’ – ha dichiarato Claudio Cordone di Amnesty International. ‘È fondamentale che le forze libiche, come qualsiasi altra forza che possa essere coinvolta nel conflitto, rispettino integralmente le leggi di guerra’.

Amnesty International ha chiesto inoltre a tutte le parti di assicurare che i civili che vogliono lasciare il paese possano raggiungere in sicurezza le frontiere e di garantire che a tutte le persone in fuga dalla Libia sia permesso l’immediato accesso a qualsiasi paese riescano a raggiungere, senza discriminazione.

La Risoluzione 1973 del Consiglio di sicurezza, adottata il 17 marzo con 10 voti a favore e cinque astensioni, autorizza gli stati membri a prendere tutte le misure necessarie, tranne una forza d’occupazione straniera, per proteggere la popolazione civile e le zone abitate da civili che siano sotto minaccia d’attacco in Libia.

FINE DEL COMUNICATO                                                                             Roma, 18 marzo 2011

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

Approfondisci la situazione in Nord Africa e Medio Oriente