Libia: Saif al Islam Gheddafi deve essere trasferito alla Corte penale internazionale - Amnesty International Italia

Libia: Saif al Islam Gheddafi deve essere trasferito alla Corte penale internazionale

21 novembre 2011

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International ha dichiarato che il Consiglio nazionale di transizione (Cnt) deve trasferire Saif al-Islam Gheddafi, catturato il 19 novembre al confine col Niger, alla Corte penale internazionale per essere sottoposto a indagini, garantendo nel frattempo la sua incolumità.

Dopo quanto accaduto dopo la cattura di Muammar Gheddafi e Mu’tassim Gheddafi, il Cnt ha la responsabilità di impedire che succeda qualcosa di simile a Saif al-Islam, in modo che questi possa affrontare la giustizia per i crimini di cui è imputato, in un processo regolare e senza ricorso alla pena di morte’ – ha affermato l’organizzazione per i diritti umani. ‘L’indagine della Corte penale internazionale offre un’opportunità per assicurare giustizia, verità e riparazione alle vittime dei crimini contro l’umanità commessi contro il popolo libico, quella giustizia che può essere stata negata con l’apparente uccisione illegale di Muammar Gheddafi’.

A giugno, la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di cattura per Saif al-Islam Gheddafi, insieme al colonnello Muammar Gheddafi e all’ex capo dell’intelligence libica Abdullah al-Senussi, per omicidio e persecuzione, due fattispecie di crimine contro l’umanità.

 

(21 ottobre 2011) Se ucciso dopo la cattura, la morte di Gheddafi è un crimine di guerra. Necessaria un’inchiesta