Malawi, morti, feriti, pestaggi e arresti durante manifestazioni antigovernative - Amnesty International Italia

Malawi, morti, feriti, pestaggi e arresti durante manifestazioni antigovernative

21 luglio 2011

Tempo di lettura stimato: 2'

Due manifestanti uccisi e altri otto feriti nella città settentrionale di Mzuzu, l’ospedale della capitale Lilongwe costretto a chiudere dopo essere stato colpito coi gas lacrimogeni, tre giornalisti vittime di un pestaggio da parte della polizia. È questo il risultato dell’intervento delle forze di sicurezza, dispiegate dal governo per disperdere le proteste, scoppiate in tutto il Malawi contro la penuria di carburante e la recente adozione di una serie di leggi repressive.

Le proteste, indette da attivisti della società civile, studenti, associazioni per i diritti umani e gruppi religiosi, sono state ampiamente pacifiche. Tuttavia, gruppi di giovani estranei agli organizzatori delle manifestazioni, hanno saccheggiato banche, negozi e uffici commerciali a Lilongwe e dato fuoco a stazioni della polizia e a sedi del Partito democratico progressista (Pdp) del presidente Bingu wa Mutharika.

Nella capitale economica del Malawi, Blantyre,  giovani armati legati al Pdp, hanno fatto caroselli a bordo di automobili del partito brandendo machete e minacciando le persone che intendevano partecipare alle manifestazioni.