Mali, importante verdetto del Tribunale penale internazionale - Amnesty International Italia

Mali, importante verdetto del Tribunale penale internazionale

28 settembre 2016

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 27 settembre il Tribunale penale internazionale ha condannato a nove anni di carcere Ahmad al Faqi al-Mahdi, esponente di primo piano del gruppo armato islamista Ansar Eddine, per aver deliberatamente attaccato siti religiosi e monumenti storici di Timbuktu durante il conflitto del 2012 in Mali.

Al-Mahdi ha ammesso la sua colpevolezza e, come d’accordo se la pena fosse stata compresa tra nove e 11 anni, ha rinunciato a presentare appello.

Secondo Amnesty International, si è trattato di una sentenza importante che riconosce il fatto che gli attacchi a siti religiosi e storici possono distruggere la cultura e l’identità di un popolo e costituiscono pertanto crimini contro l’umanità.

Questo positivo sviluppo non deve far dimenticare, tuttavia, che nel conflitto del 2012 in Mali centinaia di civili sono stati stuprati, torturati e uccisi. Il Tribunale penale internazionale dovrebbe dunque proseguire le sue indagini per sottoporre a processo i responsabili di ulteriori crimini di guerra e contro l’umanità.

Un compito che il governo del Mali, che pure aveva chiesto l’intervento del massimo organo della giustizia internazionale, non pare in grado di svolgere: nel 2015 le autorità hanno rilasciato 200 detenuti, molti dei quali sospettati di aver commesso crimini di diritto internazionale e la Commissione d’inchiesta prevista dall’accordo di pace non è stata neanche istituita.