Messico, cinque anni dalla sparizione dei 43 studenti di Ayotzinapa

Messico, cinque anni dalla sparizione dei 43 studenti di Ayotzinapa: le famiglie attendono ancora giustizia

26 settembre 2019

Tempo di lettura stimato: 4'

Sono trascorsi 5 anni da quando 43 studenti di Ayotzinapa furono fatti sparire forzatamente.

Da allora non sono state adottate misure concrete per scoprire la verità. Abbiamo sollecitato il governo del presidente messicano López Obrador per riuscire a ottenere qualcosa in più.

Queste misure dovrebbero essere applicate anche per quanto riguarda le altre migliaia di sparizioni verificatesi in Messico.

Nei primi 10 mesi in carica, il governo ha creato una commissione speciale e un’unità speciale all’interno della procura generale. Inoltre, il sottosegretario per i Diritti umani ha annunciato che il Messico accetterà la competenza del Comitato sulle sparizioni forzate delle Nazioni Unite per esaminare casi di sparizione nel paese.

In un recente incontro coi familiari dei 43 studenti scomparsi, il presidente Obrador e il suo governo si sono impegnati a chiedere a tutte le istituzioni di collaborare alle indagini e ad avere incontri regolari di aggiornamento tanto con le famiglie quanto con l’ufficio della procura generale.

Durante i primi quattro anni di lotta per la giustizia, Amnesty International ha costantemente denunciato gli insabbiamenti e le coperture da parte delle autorità. Oggi apprezziamo i primi sforzi del nuovo governo per risolvere il caso ma c’è ancora molto altro da fare”, ha dichiarato Erika Guevara-Rosas, direttrice di Amnesty International per le Americhe.

Non vi sarà giustizia fino a quando coloro che hanno ostacolato la ricerca della verità non saranno indagati”, ha proseguito Guevara-Rosas.

Non tutte le iniziative assunte sotto il nuovo governo si sono rivelate positive. Le indagini non sono trasparenti e l’attività degli organismi di nuova istituzione non ha ancora prodotto risultati.

Nelle scorse settimane, vari giudici hanno affermato che molte delle prove presentate dall’ex pubblico ministero che seguiva il caso – ora procuratore generale – erano state raccolte in modo illegale e hanno dunque disposto il rilascio provvisorio di alcune delle persone sotto indagine. Le autorità devono pertanto garantire che siano utilizzate solo prove ottenute in modo legale e che sia rispettata l’indipendenza dei giudici.

Cinque anni dopo la sparizione forzata dei 43 studenti di Ayotzinapa, le autorità messicane sono ancora in enorme debito con le vittime, le loro famiglie e la società per quanto riguarda il rispetto dei diritti alla verità, alla giustizia e alla riparazione del danno”, ha dichiarato Tania Reneaum Panszi, direttrice generale di Amnesty International Messico.

Il modo in cui sono state condotte le indagini è un impedimento che rende difficile chiarire i fatti. Questo, come altri casi emblematici del genere, c’insegna che la ricerca della verità deve basarsi su indagini imparziali, verificabili e veritiere”, ha sottolineato Panszi.

La sorte di altre 40.000 persone scomparse in Messico risulta sconosciuta.

Il governo deve assicurare che saranno messe a disposizione tutte le risorse necessarie per risolvere non solo il caso dei 43 studenti di Ayotzinapa, ma anche quelli delle oltre 40.000 persone scomparse nel paese”, ha concluso Guevara-Rosas.