Mille voci contro il razzismo - Amnesty International Italia

Mille voci contro il razzismo

15 giugno 2008

Tempo di lettura stimato: 2'

Mille voci contro il razzismo

Il razzismo ci rende insicuri

Acli, Amnesty International, Antigone, Arci, Asgi, Cantieri Sociali, Cgil, Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Federazione Rom e Sinti Insieme, Fuoriluogo, Giuristi Democratici, Libera, Link, Lunaria, Magistratura Democratica, Medici Contro la Tortura, Mensile Confronti, Progetto Diritti

promuovono: Mille voci contro il razzismo. Il razzismo ci rende insicuri

Introduce il Pro-rettore dell’Università La Sapienza Prof. Piero Marietti
Prolusioni
PIETRO INGRAO
GAD LERNER
TULLIA ZEVI

Saranno presenti:

Lucio Babolin (Presidente Cnca), Paolo Beni (Presidente Arci), Laura Boldrini (Portavoce Unhr), Angelo Caputo (Magistratura Democratica), Don Tonio Dall’Olio (Vice-Presidente Libera), Prof. Domenico Maselli (Presidente FCEI), Oliviero Forti (Responsabile immigrazione Caritas italiana), Padre Gianromano Gnesotto (Direttore Ufficio per la pastorale dei profughi e degli stranieri in Italia della Fondazione Migrantes della Cei), Patrizio Gonnella (Presidente Antigone), Nazzareno Guarneri (Presidente della Federazione Rom e Sinti Insieme), Padre Giovanni La Manna (Presidente Centro Astalli), Giulio Marcon (Presidente di Lunaria), Luigi Nieri (Presidente Link), Riccardo Noury (Portavoce Amnesty International), Andrea Olivero (Presidente Acli), Mauro Palma (Presidente del Comitato Europeo per la prevenzione della tortura), Anna Pizzo (Cantieri Sociali), Maria Quinto (Comunità Sant’Egidio), Anna Maria Rivera (Università di Bari, promotrice appello contro il razzismo di massa), Arturo Salerni (Progetto Diritti), Piero Soldini (Responsabile immigrazione Cgil), Lorenzo Trucco (Presidente Asgi), Franco Uda (CNVG), Grazia Zuffa (Fuoriluogo).

Martedì 17 giugno 2008
ore 9.30 – 14.00
Roma, Università La Sapienza – Aula Magna p.le Aldo Moro