Nigeria: il governo annuncia la liberazione di 300 ragazze - Amnesty International Italia

Nigeria: il governo annuncia la liberazione di 300 ragazze

29 aprile 2015

Tempo di lettura stimato: 2'

Il 28 aprile 2015 il governo nigeriano ha annunciato che l’esercito ha liberato 300 ragazze precedentemente rapite da Boko haram a seguito di un attacco condotto contro il gruppo armato nell’area forestale di Sambisa, nel nord-est del paese.Amnesty International ha espresso apprezzamento per questo sviluppo incoraggiante e chiede ora che sia garantito il benessere delle ragazze, in modo che possano superare il trauma del rapimento.

L’esperienza passata dalle donne e dalle ragazze sequestrate da Boko haram è orrore puro: violentate ripetutamente, vendute come schiave del sesso, indottrinate e persino addestrate e mandate a combattere‘ – ha denunciato Netsanet Belay di Amnesty International. ‘Ciò di cui ora hanno bisogno le ragazze tornate libere è assistenza medica e psicologica, sostegno e privacy. Lo stato deve fare in modo di non appesantire la loro condizione con lunghi periodi di fermo, interrogatori e controlli di sicurezza, che avrebbero l’unico effetto di peggiorare la loro condizione‘ – ha aggiunto Netsanet Belay.

Nonostante la buona notizia, restano ancora moltissimi i civili – soprattutto donne e ragazze – nelle mani di Boko haram. In un recente rapporto, Amnesty International ha denunciato che dal 2014 più di 2000 donne e ragazze sono state sequestrate da Boko haram.

FINE DEL COMUNICATO          Roma, 30 aprile 2015

Per interviste:Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it