Nobel per la pace, un premio importante ma rimane molto da fare - Amnesty International Italia

Nobel per la pace, un premio importante ma rimane molto da fare

10 ottobre 2013

Tempo di lettura stimato: 2'

A seguito dell’annuncio del conferimento del premio Nobel per la pace all’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, il segretario generale di Amnesty International Salil Shetty ha rilasciato la seguente dichiarazione:

‘È un premio importante, una scelta che riafferma i principi internazionali contro l’uso delle armi chimiche e di altre armi vietate che producono sofferenze indicibili. È un richiamo tempestivo a tutti i governi e ai gruppi che prendono parte ai conflitti armati: la guerra ha delle regole che vanno rispettate. La proibizione delle armi chimiche è un esempio di queste importanti regole, il cui obiettivo è risparmiare i civili’.

‘Il recente accordo sulla Siria rappresenta ovviamente un passo avanti per rimuovere le armi chimiche dal campo di battaglia, ma non dobbiamo perdere di vista l’enormità della crisi dei diritti umani in quel paese. Nessuno è stato ancora chiamato a render conto dei crimini di guerra in corso in Siria, compresi gli orrendi attacchi chimici. Le armi convenzionali continuano a essere usate per compiere atrocità di massa. L’annuncio odierno deve spingere la comunità internazionale a porre fine alle violazioni di massa in Siria e a chiamare i responsabili dei crimini di guerra, da ogni lato del conflitto, a rispondere delle loro azioni’.

FINE DEL COMUNICATO            Roma, 11 ottobre 2013

Per interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail press@amnesty.it