Nuove nomine negli Usa: curricula allarmanti in tema di diritti umani - Amnesty International Italia

Nuove nomine negli Usa: curricula allarmanti in tema di diritti umani

14 marzo 2018

SAUL LOEB/AFP/Getty Images

Tempo di lettura stimato: 3'

Sia Mike Pompeo che Gina Haspel, nominati rispettivamente nuovo segretario di Stato e nuova direttrice della Cia, hanno un preoccupante curriculum in tema di diritti umani e prima che assumano formalmente incarichi che potrebbero avere ripercussioni nel mondo, il Senato dovrebbe effettuare una seria valutazione“, ha dichiarato Margaret Huang, direttrice generale di Amnesty International Usa.

In passato, Pompeo ha pubblicamente sostenuto tecniche d’interrogatorio come il waterboarding mentre Haspel avrebbe diretto un centro segreto di detenzione in cui i prigionieri erano sottoposti a sparizione forzata e tortura. Haspel potrebbe aver avuto un ruolo anche nella distruzione di prove di tali crimini“.

Prima di accettare la nomina, Pompeo e Haspel avrebbero dovuto dissociarsi da loro precedenti dichiarazioni e azioni in favore di condotte illegali: la tortura, le rendition e la detenzione a tempo indeterminato sono inaccettabili e non possono mai essere tollerate in nome della sicurezza nazionale“.

Il dipartimento di Stato ha la responsabilità di proteggere le persone in fuga da violenze orribili e persecuzione e di chiedere agli altri governi di garantire la tutela dei diritti umani. Si tratta di questioni troppo serie per affidarle a chi, come Pompeo e Haspel, in passato ha mostrato così tanto disprezzo per i diritti umani“.

Nel dicembre 2016 Amnesty International Usa e una coalizione di altre organizzazioni per i diritti umani avevano diffuso un documento congiunto relativo ai principi da seguire nella nomina di persone a cariche statali, tra i quali il rispetto degli obblighi in materia di diritti umani e il sostegno alla Costituzione, agli ideali di inclusione e rispetto di ogni persona, ai processi democratici e alle istituzioni democratiche.

Amnesty International Usa aveva anche sollecitato il Senato a pretendere da Pompeo un esplicito impegno verso il rispetto delle norme nazionali e internazionali sulla tortura.