Per i dimenticati di Idlib - Amnesty International Italia

Per i dimenticati di Idlib

4 marzo 2020

Tempo di lettura stimato: 3'

Insieme a una rete di associazioni, a cui si aggiungono alcune adesioni individuali, abbiamo aderito all’iniziativa in programma domenica 8 marzo in piazza San Pietro, a Roma, per mostrare lo striscione “per i dimenticati di Idlib”.

Siamo sconvolti – si legge nella nota stampa – dalle rare immagini di quei bambini assiderati, a volte da soli, a volte con i loro genitori o parenti. Da una parte sono costretti a fuggire dalla Siria verso la Turchia da bombardamenti a tappeto che violano le regole più elementari del diritto umanitario internazionale e dall’altra sono impediti a trovare salvezza da un muro invalicabile e a oggi non valicato“.

Si calcola che siano almeno un milione le persone in fuga ammassate al confine, alcune stime parlano di un milione e cinquecentomila, in gran parte bambini. Se non si trovasse una soluzione, urgente, le operazioni militari raddoppieranno gli sfollati, per i quali non ci sono neanche tendopoli. Per tutti costoro ci sono soltanto due sottili corridoi umanitari aperti all’Onu per portargli qualche genere di prima necessità.

Avvertiamo dunque l’urgenza – conclude la nota – di manifestare la nostra gratitudine a Papa Francesco e dimostrare al mondo che il suo appello per questa umanità abbandonata e tradita non è caduto nel vuoto. Questi nostri fratelli e queste nostre sorelle non possono essere dimenticati“.

Le associazioni che aderiscono all’iniziativa:

  • Ass.ne Giornalisti amici di padre Dall’Oglio
  • Amnesty International Italia
  • Articolo21
  • Caritas Italia
  • Centro Astalli, sezione italiana del Jesuit Refugee Service
  • Comunità di Sant’Egidio
  • Coordinamento dei Siriani Liberi di Milano
  • Focsiv, Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario
  • Siria Libera e Democratica
  • Ucoii, Unione delle Comunità Islamiche d’Italia

Prime adesioni individuali

  • Vittorio Di Trapani, Segretario UsigRai
  • Anna Foa, Università La Sapienza di Roma
  • Giuseppe Giulietti, Presidente FNSI