Proteste in Senegal, terzo manifestante ucciso dalla polizia - Amnesty International Italia

Proteste in Senegal, terzo manifestante ucciso dalla polizia

2 febbraio 2012

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International ha chiesto al presidente del Senegal, Abdulaye Wade, di porre sotto controllo le forze di polizia dopo che un terzo manifestante è stato ucciso e decine di altri sono stati feriti durante le proteste divampate in tutto il paese.

Alle origini della protesta è la decisione del Consiglio costituzionale dl Senegal, che il 27 gennaio ha autorizzato il presidente Wade a candidarsi per un terzo mandato alle elezioni previste alla fine di febbraio.

Il 1° febbraio un veicolo della polizia ha investito un gruppo di manifestanti in piazza dell’Obelisco, al centro della capitale Dakar. Un giovane studente, Mamadou Diop, è rimasto ucciso. Nei minuti successivi, la polizia ha aperto il fuoco per disperdere la folla e ha lanciato gas lacrimogeni contro i medici che erano accordi sul posto per soccorrere il ragazzo. Un candelotto di lacrimogeni ha spaccato il vetro posteriore dell’ambulanza su cui era stato caricato Diop.