Qatar: mondiali di calcio e violazioni dei diritti umani - Amnesty International Italia

Qatar: mondiali di calcio e violazioni dei diritti umani

21 maggio 2015

Tempo di lettura stimato: 8'

In un nuovo documento diffuso oggi, Amnesty International ha rilevato come, a oltre un anno di distanza dalla promessa di blande riforme per rafforzare i diritti dei lavoratori migranti, le speranze di un reale progresso stiano rapidamente svanendo. Il documento, intitolato ‘Hanno promesso poco, realizzato ancora di meno: il Qatar e le violazioni dei diritti dei lavoratori migranti‘, presenta una valutazione basata su nove parametri riguardanti altrettanti diritti fondamentali dei lavoratori migranti. Su cinque di essi i progressi sono stati assai limitati, rispetto agli altri quattro non c’è stato alcun miglioramento.

Il Qatar non sta rispettando i diritti dei lavoratori migranti. Un anno fa il governo si era impegnato a migliorarli ma di fatto non c’è stato alcun passo avanti‘ – ha dichiarato Mustafa Qadri, ricercatore sui diritti dei migranti nei paesi del Golfo persico. Negli ultimi 12 mesi poco è cambiato dal punto di vista delle leggi, delle politiche e della prassi quotidiana per gli oltre 1.500.000 lavoratori migranti presenti in Qatar, che rimangono alla mercé dei loro sponsor e datori di lavoro. Sulle questioni cruciali del permesso di lasciare il paese, delle limitazioni al passaggio da un impiego a un altro sulla base dell’istituto del ‘kafala’, della protezione delle lavoratrici domestiche e della libertà di fondare sindacati e di aderirvi, non vi è stato alcun progresso.

La mancanza di una chiara strategia concernente i risultati da raggiungere attraverso le riforme e i criteri per valutare tali risultati, mette in forte dubbio l’intenzione del Qatar di contrastare le violazioni dei diritti dei lavoratori migranti. Senza un’immediata azione, le promesse fatte lo scorso anno rischiano di risultare un mero esercizio di pubbliche relazioni per tenersi stretti i mondiali di calcio del 2022‘ – ha sottolineato Qadri.

Il 29 maggio è prevista l’elezione del nuovo presidente della Fifa. L’organo di governo mondiale del calcio ha la chiara responsabilità di considerare in via prioritaria il problema dello sfruttamento dei lavoratori migranti in Qatar e deve, in forma pubblica e privata, chiedere al governo di Doha di attuare riforme concrete per proteggere i diritti dei lavoratori migranti. ‘La Fifa ha impiegato molto tempo, denaro e capitale politico per indagare sulle denunce di corruzione circa le candidature di Russia e Qatar ai mondiali di calcio del 2018 e del 2022, riflettendo a lungo sull’assegnazione dei campionati. Tuttavia, deve ancora mostrare di essere davvero interessata a far sì che i mondiali di calcio del 2022 in Qatar non saranno realizzati attraverso sfruttamento e abusi‘ – ha aggiunto Qadri. ‘Ci aspettiamo che la Fifa lavori a stretto contatto col governo, col Comitato supremo di Qatar 2022 – responsabile dell’organizzazione dei campionati di calcio -, coi principali sponsor e con altre realtà coinvolte nell’evento sportivo per impedire le violazioni dei diritti umani collegate al suo svolgimento‘ – ha proseguito Qadri.

La più significativa riforma proposta lo scorso anno dal governo – l’introduzione di un sistema salariale elettronico per cambiare il modo in cui i lavoratori migranti vengono pagati – è ancora in fase di attuazione. Molti migranti intervistati nei mesi scorsi da Amnesty International hanno continuato a lamentare il ritardato o il mancato versamento del salario. Il Qatar ha inoltre mancato l’obiettivo di avere 300 ispettori del lavoro in servizio entro la fine del 2014. Vi sono stati solo limitati progressi nell’adozione di misure per migliorare la sicurezza nei cantieri, nella regolamentazione delle agenzie di reclutamento che sfruttano i lavoratori migranti e nell’accesso alla giustizia per le vittime di sfruttamento sul lavoro.

Anche se tutte le riforme promesse nel maggio 2014 fossero state attuate, ciò non sarebbe comunque bastato a eliminare le cause profonde della massiccia discriminazione dei lavoratori migranti.
In un rapporto pubblicato nel novembre 2013, Amnesty International aveva denunciato l’ampiezza dello sfruttamento dei lavoratori migranti impiegati nel settore delle costruzioni, che in alcuni casi era equiparabile a lavoro forzato. Sebbene da allora il Qatar abbia ripetutamente e vibratamente espresso l’intenzione di porvi fine, è cambiato ben poco.

Ranjith, un lavoratore migrante dello Sri Lanka, non riceve il salario dal momento del suo arrivo, cinque mesi fa. Non ha documenti d’identità né un contratto. Alloggia in un campo per lavoratori nell’area industriale, affollato e malsano.’Voglio solo lavorare e guadagnare qualcosa per mia moglie e i miei figli ma a causa del mio sponsor non posso cambiare lavoro. Se vado dalla polizia mi arrestano e mi espellono perché non ho i documenti‘ – ha raccontato ad Amnesty International.

La realtà è che, trascorso oltre un anno e mezzo dalla denuncia di Amnesty International sull’esteso sfruttamento dei lavoratori migranti, poco o nulla è stato fatto per contrastarne le cause. Siamo un anno più vicini ai mondiali di Qatar 2022 e il tempo per cambiare questa situazione si sta esaurendo. Col boom delle costruzioni ancora in corso e la popolazione dei lavoratori migranti destinata ad arrivare a due milioni e mezzo, la necessità di riforme è più pressante che mai‘ – ha dichiarato Qadri.
Invece di prendere le misure necessarie per porre termine allo sfruttamento dei lavoratori migranti, le autorità del Qatar sembrano ultimamente più interessate a nasconderlo. Giornalisti e ricercatori sui diritti umani che volevano approfondire la situazione dei lavoratori migranti in Qatar sono stati arrestati e interrogati. Solo nell’ultimo mese, giornalisti dell’emittente tedesca Wdr e della britannica Bbc sono stati arrestati. ‘Cercare di ridurre al silenzio, con gli arresti e le intimidazioni, chi indaga sulla condizione dei lavoratori migranti, significa che il governo è più interessato alla sua immagine che ad affrontare l’agghiacciante realtà di decine di migliaia di donne e uomini sottoposti a violazioni dei diritti umani in Qatar‘ – ha concluso Qadri.

Scarica il rapporto in inglese ‘Hanno promesso poco, realizzato ancora di meno: il Qatar e le violazioni dei diritti dei lavoratori migranti’

FINE DEL COMUNICATO     Roma, 21 maggio 2015

Per interviste: Amnesty International Italia – Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348 6974361, e-mail: press@amnesty.it