Qatar, rilasciato il 'poeta dei gelsomini' - Amnesty International Italia

Qatar, rilasciato il ‘poeta dei gelsomini’

15 marzo 2016

Tempo di lettura stimato: 2'

Dopo oltre quattro anni di appelli, Mohamed al-‘Ajami, conosciuto anche come Ibn al-Dheeb e il ‘poeta dei gelsomini’ è stato rilasciato il 15 marzo 2016 dalle autorità del Qatar.

Mohamed al-‘Ajami era stato arrestato il 16 novembre 2011 per fatti risalenti a oltre un anno prima.

Nell’agosto 2010, mentre si trovava al Cairo dove stava studiando Letteratura araba, aveva svolto un reading privato nella sua abitazione recitando versi della tradizione poetica Nabati. A sua insaputa, uno dei presenti aveva postato il reading su YouTube, dando luogo a un’enorme diffusione virale.

A seguito di ciò, le autorità del Qatar lo avevano accusato di ‘incitamento pubblico al rovesciamento del sistema’, ‘sfida pubblica all’autorità dell’Emiro’ e ‘diffamazione pubblica del principe della Corona’. Dapprima condannato all’ergastolo nel novembre 2012, al termine di un processo iniquo, tre mesi dopo aveva ottenuto in appello la commutazione della pena a 15 anni di carcere.

Non è ancora chiaro se al momento del rilascio, ad al-‘Ajami siano stati imposti limiti o condizioni. Amnesty International auspica che egli possa riprendere a esercitare pienamente il suo diritto alla libertà d’espressione.