Reazione al secondo rapporto intermedio della Commissione europea sull'accordo Ue-Turchia in materia d'immigrazione - Amnesty International Italia

Reazione al secondo rapporto intermedio della Commissione europea sull’accordo Ue-Turchia in materia d’immigrazione

15 giugno 2016

Tempo di lettura stimato: 1'

A seguito dell’adozione da parte della Commissione europea del secondo rapporto intermedio sull’accordo (ufficialmente denominato ‘dichiarazione’) Ue-Turchia in materia d’immigrazione, Iverna McGowan, direttrice dell’ufficio di Amnesty International presso le istituzioni europee, ha rilasciato il seguente commento:

‘La Commissione europea ha affermato che l’attuazione dell’accordo Ue-Turchia sta dando dei risultati. I risultati sono questi: migliaia di persone bloccate in condizioni disastrose in Grecia, rifugiati rispediti a forza in Siria dal confine della Turchia, siriani a rischio di essere rimandati dalla Grecia in Turchia. Risultati, certo, ma nessuno di cui essere orgogliosi. L’accordo Ue-Turchia è un duro colpo alla reputazione mondiale dell’Ue come attore globale dei diritti umani, difficilmente un modello da seguire per la politica estera dell’Ue’.