Repubblica Ceca: corteo terrorizza la comunità rom - Amnesty International Italia

Repubblica Ceca: corteo terrorizza la comunità rom

7 aprile 2009

Tempo di lettura stimato: 6'

Repubblica Ceca: un corteo terrorizza la comunità rom

(8 aprile 2009)

Alcuni gruppi di estrema destra hanno organizzato, lo scorso sabato, un corteo nell’area abitata da rom a Přerov, nella Repubblica Ceca. Qualche giorno prima della manifestazione, avevano sollecitato, attraverso i loro siti web, membri e simpatizzanti a unirsi al corteo contro quello che avevano definito ‘terrorismo zingaro’ e, riferendosi all”etnia zingara’, l’avevano chiamata ‘parassita’.

La manifestazione ha avuto inizio con circa 500 dimostranti di estrema destra venuti da diverse città della Repubblica Ceca. Mentre attraversavano il quartiere rom, si sono fermati diverse volte e hanno gridato ‘I cechi sono con noi’ e slogan anti-rom.

Alcuni abitanti di Přerov, che non si erano organizzati con questi gruppi, si sono uniti alla manifestazione mentre procedeva lungo le strade della città. I delegati di Amnesty International, in missione di ricerca nel paese, hanno assistito a questi eventi.

L’organizzazione per i diritti umani, da anni impegnata contro la discriminazione verso i rom, ha documentato casi di attacchi violenti contro singoli e intere comunità rom, nell’ambito di un contesto generale di discriminazione nell’accesso alla salute, all’istruzione e ad altri diritti.

Pochi giorni prima della Giornata internazionale rom, la comunità rom di Přerov, temendo per la sicurezza dei suoi bambini, è rimasta chiusa nelle proprie case invece di partecipare ai preparativi per la celebrazione dell’evento‘, ha affermato Fotis Filippou, ricercatore di Amnesty International nella Repubblica Ceca.

Abbiamo paura per le nostre vite‘, ha detto una donna rom che ha vissuto nella zona per 16 anni. ‘Ho abitato per 26 anni insieme alla restante parte della popolazione, che era la maggioranza e ho vissuto in armonia, prima di trasferirmi in questa zona della città. All’inizio c’era integrazione, ora questa parte della città è abitata al 100 per cento da rom‘.

Un’altra donna ha aggiunto: ‘Come spiego ai miei bambini perché non possono uscire a giocare in una giornata così bella?‘.

Circa 700 uomini delle forze di polizia, comprese unità anti-guerriglia e polizia anti-sommossa, erano presenti e pronti a intervenire nel caso la situazione fosse degenerata. Un’elevata concentrazione di polizia si è posizionata intorno al quartiere rom per prevenire la violenza e gli attacchi diretti contro la comunità.

Circa 20 persone contrarie all’iniziativa sono state ricacciate dalla polizia per evitare che si scontrassero con i gruppi di estrema destra. Tuttavia, nel corso della manifestazione, questi ultimi li hanno attaccati. Il rapido intervento della polizia ha placato la situazione e il corteo è proseguito.

Alle 15, la manifestazione era ufficialmente terminata alla stazione ferroviaria, ma la violenza è esplosa quando i manifestanti di estrema destra hanno attaccato la polizia anti-sommossa e una loro postazione con pietre, molotov e mortaretti. La violenza si è estesa alle strade circostanti. A quel punto, la polizia ha bloccato completamente il quartiere con blindati, furgoni e unità anti-sommossa, che hanno garantito la sicurezza della comunità rom.

Prima delle 18, la situazione si è tranquillizzata e la maggior parte dei dimostranti di estrema destra ha lasciato la città. Secondo quanto riportato dalla stampa, 31 manifestanti sono stati arrestati e alcune persone sono rimaste ferite, compresi alcuni agenti di polizia.

Propugnare l’odio costituisce un incitamento alla discriminazione, all’ostilità o alla violenza, e va oltre i limiti della libertà di espressione protetta dal diritto internazionale dei diritti umani. I politici e il governo della Repubblica Ceca devono condannare fermamente la violenza e l’incitamento a essa contro qualsiasi parte della società‘ – ha affermato Filippou.

Le autorità ceche dovrebbero inoltre continuare a prendere misure per garantire protezione alla popolazione rom dalle conseguenze dell’incitamento alla discriminazione, all’ostilità o alla violenza‘ – ha proseguito Filippou.

È un bene che la polizia sia qui per proteggerci‘- ha detto una donna rom, ‘ma sappiano cosa può accadere di notte quando la polizia non è più in giro?’.

La manifestazione era stata inizialmente promossa dal partito di estrema destra Lavoratori Cechi. In seguito alla presa di distanza da parte di questo partito, l’organizzazione del corteo è passata nelle mani di gruppi di estrema destra Movimento dei Nazionalisti Autonomi e Resistenza Nazionale.