Repubblica Democratica del Congo: necessaria una sessione speciale del Consiglio Onu dei diritti umani - Amnesty International Italia

Repubblica Democratica del Congo: necessaria una sessione speciale del Consiglio Onu dei diritti umani

17 novembre 2008

Tempo di lettura stimato: 4'

Repubblica Democratica del Congo: le organizzazioni per i diritti umani chiedono una sessione speciale del Consiglio Onu dei diritti umani

CS150: 17/11/2008

Di fronte al continuo aumento del numero delle vittime nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc), Amnesty International, Human Rights Watch e oltre 40 organizzazioni impegnate in Africa hanno lanciato l’allarme sul rischio di una catastrofe umanitaria nell’est del paese e hanno chiesto la convocazione immediata di una sessione speciale del Consiglio Onu dei diritti umani.

In una lettera al suo presidente, l’ambasciatore Martin Uhomoibi, le organizzazioni hanno sollecitato il Consiglio Onu dei diritti umani a incrementare azioni efficaci per proteggere migliaia di civili le cui vite sono a rischio.

In particolare, le organizzazioni hanno chiesto al Consiglio Onu dei diritti umani di nominare un inviato speciale per la regione orientale dell’Rdc, che riferisca sulla situazione dei diritti umani e raccomandi misure concrete per affrontarla.

Le ostilità nell’est dell’Rdc hanno già provocato un devastante numero di morti. Dev’essere fatto tutto il possibile per impedire un ulteriore peggioramento di una situazione già drammatica. Il Consiglio Onu dei diritti umani non deve voltare le spalle alle vittime‘ – si legge nella lettera all’ambasciatore Uhomoibi.

Ulteriori informazioni

I recenti combattimenti nell’est dell’Rdc hanno provocato almeno 250.000 profughi (in maggior parte donne e bambini), per un totale di oltre un milione (secondo alcune stime, 1.600.000) di civili che sono stati costretti a lasciare la regione del Nord Kivu. Gran parte dei profughi si trova in una situazione disperata, senza acqua, cibo, medicine e rifugi a sufficienza.

Le operazioni umanitarie internazionali sono appena riprese, ma alcune di esse sono state subito sospese a causa della precaria situazione di sicurezza e molti profughi rimangono in zone non raggiungibili. Amnesty International ha ricevuto notizie di numerose esecuzioni sommarie.

Il Consiglio Onu dei diritti umani si riunisce in sessione speciale se 16 dei suoi membri lo richiedono al presidente e al segretariato di questo organismo. Dopo la formalizzazione della richiesta, la sessione speciale dev’essere convocata al più presto, in linea di principio non prima di due giorni e non dopo cinque giorni lavorativi.

FINE DEL COMUNICATO                                                     Roma, 17 novembre 2008

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail press@amnesty.it

Firma l’appello ‘Repubblica Democratica del Congo: protezione per i civili, subito!’
Comunicato stampa ‘Amnesty indice una manifestazione per la popolazione della Repubblica Democratica del Congo’
Comunicato stampa ‘Crisi dei diritti umani nella Repubblica Democratica del Congo: Amnesty International scrive al ministro Frattini, sollecitando un più forte impegno del Consiglio di sicurezza’ .
Comunicato stampa ‘Amnesty International: catastrofe in vista nella Repubblica Democratica del Congo se le truppe delle Nazioni Unite non saranno rinforzate’ .
Comunicato stampa ‘Repubblica Democratica del Congo: Amnesty International denuncia la ripresa degli stupri e del reclutamento di bambini soldato’.