Rifugiati: oltre 1000 persone bloccate nella 'terra di nessuno' tra Serbia e Ungheria - Amnesty International Italia

Rifugiati: oltre 1000 persone bloccate nella ‘terra di nessuno’ tra Serbia e Ungheria

18 settembre 2015

Tempo di lettura stimato: 5'

Più di 1000 persone, tra cui molte famiglie fuggite dai conflitti in Siria, Afghanistan e Iraq, sono bloccate lungo un’autostrada della Serbia, in condizioni spaventose e in rapido peggioramento, a seguito della decisione dell’Ungheria di chiudere la frontiera. Da Horgos, sul lato serbo del confine, i ricercatori di Amnesty International hanno constatato l’assenza, finora, delle organizzazioni umanitarie e dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati. Centinaia di rifugiati dormono sul tratto chiuso dell’autostrada, assistiti solo da volontari locali. L’accesso a cibo, acqua corrente e servizi igienici è fortemente ristretto. Le autorità di Belgrado si sono limitate a inviare una manciata di poliziotti.

I rifugiati ci hanno trasmesso le loro sensazioni d’incertezza e rabbia. Sono bloccati in una vera e propria ‘terra di nessuno’ tra Serbia e Ungheria, nella totale mancanza di informazioni‘ – ha dichiarato Tirana Hassan, direttrice del programma Risposta alle crisi di Amnesty International, da Horgos. ‘Altri rifugiati sono in arrivo e la situazione sta rapidamente peggiorando. Le autorità serbe e l’Unione europea sapevano che ciò sarebbe accaduto eppure non hanno preso misure adeguate, lasciando centinaia di persone tra le più vulnerabili intrappolate tra il filo spinato e l’angoscia di non sapere cosa succederà‘ – ha aggiunto Hassan.

Tra le persone bloccate lungo l’autostrada c’è una donna proveniente dall’Afghanistan con due figli, uno dei quali ha otto anni ed è ammalato di cancro. Non hanno quasi nulla con sé, l’altra figlia non ha neanche le scarpe. La cosa di maggior valore è il certificato medico del figlio. Attorno all’autostrada c’è la campagna. Non c’è modo di ripararsi, manca il cibo e scarseggiano acqua potabile e servizi igienici. I rifugiati stanno facendo tutto il possibile per tenere la situazione sotto controllo, ma le condizioni sono terribili. Coloro che avevano con sé delle tende le hanno aperte ma centinaia di persone dormono sull’asfalto o ai bordi dell’autostrada. Una famiglia siriana di 10 persone ha una sola tenda, in cui protegge i bambini. Altre famiglie non hanno nulla e sono in balia delle condizioni atmosferiche. In assenza di qualsiasi forma di assistenza da parte del governo di Belgrado, i volontari locali distribuiscono latte e altri generi di prima necessità ma si tratta di una goccia nell’oceano. Il fatto di non poter nutrire i propri familiari è un ulteriore affronto alla dignità dei rifugiati.

I ricercatori di Amnesty International hanno constatato la presenza di moltissimi rifugiati in condizioni di estrema vulnerabilità, tra cui molti disabili privi di assistenza. Una ragazza di 16 anni sulla sedia a rotelle, proveniente dalla città siriana di Kobane, ha raccontato di non aver potuto prendere una camera per sé e sua sorella in un albergo nei paraggi, in quanto prive di documenti. Le due ragazze sono state costrette a dormire in terra fino a quando una famiglia le ha ospitate in una tenda già piena di persone. Le persone bloccate al confine tra Serbia e Ungheria non hanno alcuna informazione su cosa accadrà loro. Continuano a dire ad Amnesty International che ciò che vogliono non è la carità ma lavoro, condizioni degne di vita e appartenenza a pieno titolo alla società. ‘Lungo il confine, centinaia di uomini donne e bambini stanno subendo le terribili conseguenze della sconvolgente mancanza di umanità mostrata dalle autorità ungheresi con la chiusura e la militarizzazione della frontiera‘ – ha accusato Hassan. ‘Le autorità serbe erano pienamente consapevoli di cosa sarebbe accaduto e la loro mancanza di risposta è riprovevole. Migliaia di persone stanno fuggendo dalla guerra cercando riparo nei paesi dell’Unione europea. Invece di venire in loro aiuto, i governi europei li stanno circondando col filo spinato e sembrano incapaci di trovare una soluzione a lungo termine‘.