Ripartire. Dai diritti - Amnesty International Italia

Ripartire. Dai diritti

6 Ottobre 2020

© AFP via Getty Images

Tempo di lettura stimato: 2'

Cara amica, caro amico,

abbiamo vissuto un’estate strana. Dopo i mesi di lockdown, l’Italia ha potuto tornare a una parziale normalità, per quanto la pandemia continuasse a propagarsi rapidamente oltre confine e fosse ben lontana dell’essersi esaurita nelle nostre città. Le conseguenze sulla società sono però sempre più visibili e, anche se in Italia non abbiamo dovuto denunciare i gravi abusi accaduti altrove nel mondo, come in Ungheria, Stati Uniti, Brasile e Filippine, tuttavia non possiamo non guardare con preoccupazione ai prossimi mesi. Oltre al ritorno di ragazzi e ragazze a scuola, questo autunno è importante per vedere come verranno gestite le risorse ricevute attraverso il Recovery Fund. Da come si decide di ripartire vedremo se il nostro paese è governato da forze politiche impegnate per il suo benessere oppure no. E il benessere vero di una società passa per il rispetto dei diritti umani. La pandemia, la mobilitazione mondiale seguita all’assassinio di George Floyd e la lotta per contrastare i cambiamenti climatici sono intimamente collegate.

Lo sfruttamento indiscriminato della natura, che minaccia l’ecosistema e ogni specie vivente, a partire da noi, destabilizza il nostro pianeta e rende più facile l’esplosione di epidemie pericolose. L’instabilità generata da un clima impazzito e da risorse sempre più scarse ha conseguenze diverse sulle persone e si abbatte con maggiore violenza su coloro che, da secoli, sono sfruttati o discriminati. Non è possibile affrontare separatamente questi problemi: occorre cambiare tutto, tutti insieme, rimanendo fedeli all’ideale sancito con la Dichiarazione universale dei diritti umani. Non c’è momento migliore di adesso, non c’è luogo migliore di questo.

ACCEDI ALL’AREA RISERVATA

REGISTRATI