A Roma giovedì 20 iniziativa di Amnesty International Italia per la libertà in Turchia - Amnesty International Italia

A Roma giovedì 20 iniziativa di Amnesty International Italia per la libertà in Turchia

19 luglio 2017

Tempo di lettura stimato: 3'

A Roma giovedì 20 iniziativa di Amnesty International Italia per la libertà dei suoi colleghi e degli altri difensori dei diritti umani in carcere in Turchia

Giovedì 20 luglio a Roma, alle 18.30 in piazza del Colosseo, Amnesty International Italia manifesterà per chiedere il rilascio immediato e incondizionato di Idil Eser e Taner Kılıç, direttrice e presidente di Amnesty International Turchia, arrestati nell’ultimo mese e attualmente detenuti in attesa di processo per la grottesca accusa di sostegno a organizzazioni terroristiche.

Insieme a loro, sono in prigione decine di difensori dei diritti umani, giornalisti, accademici, parlamentari e attivisti, in un clima repressivo sempre più pesante favorito dallo stato d’emergenza introdotto dopo il fallito colpo di stato del luglio 2016.

Idil Eser, direttrice di Amnesty International Turchia, è in attesa di processo insieme ad altri nove difensori dei diritti umani arrestati con lei il 5 luglio per aver commesso “reati per conto di un’organizzazione terroristica senza farne parte”. Secondo le bizzarre accuse rivoltele, Idil Eser attraverso il suo lavoro per Amnesty International avrebbe legami con tre organizzazioni terroristiche diverse e antagoniste tra loro.

L’arresto della direttrice di Amnesty International Turchia segue di poche settimane il rinvio a giudizio, anch’esso immotivato, del presidente Taner Kılıç, arrestato il 6 giugno e accusato tre giorni dopo di appartenenza alla “Organizzazione terroristica Fethullah Gülen”.

Per la prima volta dalla fondazione, Amnesty International vede nello stesso paese la direttrice e il presidente di una sua sezione nazionale in carcere.

L’attacco ai difensori dei diritti umani in Turchia si colloca nel contesto della crescente repressione dei diritti umani decisa dalle autorità dopo il fallito colpo di stato del 15 luglio 2016.

Queste le prime adesioni all’iniziativa di Amnesty International Italia: A buon diritto, Antigone, Arci, Articolo 21, Associazione italiana turismo responsabile, Associazione Ong Italiane, Associazione Stefano Cucchi, Coalizione italiana per le libertà e i diritti civili, Cospe, Federazione nazionale della stampa italiana, Festival dei diritti umani di Milano, Italians for Darfur, Link 2007, Nexus Emilia Romagna. #No Bavaglio, Solidarietà e cooperazione Cipsi.